Al Campo Ale&Ricky di Vinovo la Juventus ha sconfitto 4-3 l’Empoli Ladies grazie alle doppiette di Barbara Bonansea e Cristiana Girelli, all’Empoli non bastano i gol di Acuti, Polli e Prugna. Partita spumeggiante: la Juventus ottima in fase offensiva, con Girelli sempre sul pezzo, ma con difficoltà a centrocampo ed in difesa, mentre l’Empoli sfoggia un gioco interessante, con Polli eccellente terminale offensivo, ma una difesa decisamente da registrare in vista dei prossimi impegni.

Le pagelle

Juventus Women 6

La squadra tenta d’impostare la partita come gli è usuale, ovvero imponendo un grande forcing iniziale e cercando di chiudere il discorso ad inizio ripresa, ma dall’altra parte, trova un Empoli che gli rende la vita durissima. Il centrocampo è stato decisamente sottotono, soprattutto Galli, mentre la difesa ha mostrato parecchie lacune (il nuovo acquisto Lundorf deve ancora adattarsi al calcio italiano). Cernoia, Rosucci e Zamanian riportano la Juventus sulla retta via. Da segnalare il calo di tensione che porta al rigore empolese da cui scaturisce il 3-3, contro l’Hellas andò bene ma le toscane potevano farlo pagare carissimo: c’è da porre urgentemente rimedio. Settimana scorsa, in quel di Verona, la formazione era parsa decisamente più equilibrata col 4-3-1-2: non sarebbe il caso di fare una seria riflessione su questo sistema di gioco? Spunti per il futuro…

Giuliani 6; Lundorf 5; Gama 5,5; Sembrant 6; Boattin 6,5; Pedersen 7; Galli 5,5 (Zamanian 6,5); Caruso 6 (Cernoia 6,5); Stašková 6,5 (Rosucci 7); Girelli 7,5; Bonansea 7,5

All. Guarino 6

Top3 Juventus Women

Girelli 7,5

L’attaccante bresciana sfoggia una prestazione di grande carattere: nel primo tempo tenta di creare gioco, visto i notevoli problemi in fase di costruzione, quindi si vede meno in fase di realizzazione, ma nel secondo tempo alza decisamente i giri. Fa a sportellate con la difesa avversaria senza paura ed il rigore, con cui realizza il suo primo gol, se lo procura correndo dietro ad un pallone vagante, solo apparentemente senza alcuno sbocco offensivo di rilievo. Battere anche il rigore decisivo al 93′, dopo una partita del genere, è una grandissima responsabilità, ma lei non trema: freddezza glaciale.

Highlander.

Bonansea 7,5

Come tutti gli artisti non è costante nel suo rendimento ma quando disegna certe pennellate non si può che godere del suo immenso talento, tralasciando certe piccolezze. Il calcio è principalmente divertimento, e lei non smette mai di regalarlo con la sua classe cristallina. Oggi ha abbinato anche l’efficacia sotto rete, quindi non si può pretendere di più. Il suo primo gol è semplicemente magnifico, da rivedere in loop.

Maestosa.

Rosucci 7

A sorpresa non viene schierata dal primo minuto, complice le rotazioni di Guarino. Il centrocampo soffre terribilmente: lei entra sul 3-2 e richiama immediatamente tutte le compagne all’ordine con autorità. Dal suo ingresso in poi la squadra, come d’incanto, riacquista equilibrio, grazie alla sua intelligenza calcistica sopra la media. Al netto del finale schizofrenico, a causa di una sciocchezza della difesa bianconera, Rosucci mostra ancora una volta di essere una leader naturale, in grado di guidare le compagne non solo con le giocate ma soprattutto con i gesti, mai banali.

Carismatica.

Empoli Ladies 6

Alessandro Spugna, allenatore della Primavera femminile bianconera dal 2018 al 2020, con cui ha vinto due Tornei di Viareggio e raggiunto una semifinale Scudetto, quest’anno siede sulla panchina che, per cinque stagioni, è stata di Alessandro Pistolesi. Non era facile sostituirlo degnamente ma, per quanto visto in queste prime due partite, ci sta riuscendo: gioco propositivo, attacco ben assortito, centrocampo di sostanza e difesa con ottimi terzini. L’Empoli ha peccato spesso d’ingenuità, ma si porta a casa la consapevolezza di poter dare fastidio a chiunque. Rispetto all’era Pistolesi si è perso un po’ di efficacia nelle iniziative sulle fasce, che vengono poco cercate, mentre si tenta spesso la giocata per vie centrali. Se Spugna saprà trovare un miglior equilibrio tra le varie zone del campo, soprattutto in fase difensiva, la sua squadra sarà sicuramente un outsider (come Sassuolo e Florentia San Gimignano, giusto per essere chiari).

Fedele 6; Di Guglielmo 6,5; De Rita 5,5 (Dompig 6,5); Giatras Zoi 5; Binazzi 6; Cinotti 6 (Morreale SV); Bellucci 6,5 (Knol SV); Prugna 6; Acuti 7; Polli 7; Glionna 6,5

All. Spugna 6

Top3 Empoli Ladies

Polli 7

La giovane attaccante, la scorsa stagione in forza al Tavagnacco, è partita benissimo con l’Empoli e contro la Juventus si rende protagonista di una prova di grande sacrificio, occupando bene l’area di rigore ed aprendo ottimi spazi per le compagne accorrenti. Si toglie pure lo sfizio di segnare un gol da vero centravanti. Purtroppo commette una gravissima ingenuità, costata il rigore che sancisce la sconfitta della sua squadra, ma la prestazione resta di alto livello.

Croce e delizia.

Acuti 7

L’attaccante toscano si fa vedere sempre al posto giusto nel momento opportuno, pronta a raccogliere i suggerimenti delle colleghe di reparto Glionna e Polli. Segna un bel gol, sul secondo palo, nel primo tempo e Giuliani gliene nega un altro, ad inizio ripresa, con un intervento eccezionale. Giornata da incorniciare: la ragazza sta continuando il suo processo di crescita e sarà un elemento fondamentale per l’Empoli nel corso di questa stagione.

Implacabile.

Glionna 6,5

La Golden Girl 2018, in questa stagione in prestito all’Empoli ma in orbita Juventus, tocca pochi palloni giocabili sulla fascia ma, quando ne ha l’occasione, è incontenibile: è un pericolo costante per la difesa bianconera e l’azione, da cui scaturisce il primo gol empolese, nasce da una sua ottima iniziativa. L’Empoli se la coccola, incominciando a fantasticare fin dove potrà spingersi grazie alla napoletana, mentre la Juventus resta in attenta osservazione per il suo futuro.

Predestinata.

Di Davide Torretta

Redattore presso Cartellino Rosa

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: