Al Campo Ale&Ricky di Vinovo è andata in scena una partita decisamente per cuori forti: Juventus ed Empoli si danno battaglia a viso aperto, la pioggia incessante rende tutto ancora più epico. Alla fine la spunta la Juventus, grazie ad un rigore di Cristiana Girelli al 93′, al termine di una gara, durata ben 100′, in cui è stato impossibile annoiarsi…

1° tempo

Juventus ed Empoli scendono in campo col 4-3-3: per le bianconere fuori dal primo minuto Zamanian e Rosucci rispetto alla gara con l’Hellas Verona, dentro Lundorf e Stašková, mentre per l’Empoli in campo Acuti anziché Dompig. La Juventus tenta fin dal principio di indirizzare la gara verso i propri binari, Empoli inizialmente in difficoltà ma che non si arroocca assolutamente in difesa. Al 7′ Girelli (J) mette un traversone in area di rigore dalla fascia destra, Stašková anticipata di un soffio. All’11’ Caruso (J) calcia alto, di sinistro, da buona posizione dopo un ottimo cross radente, di Girelli, che attraversa tutta l’area di rigore senza che nessuno riesca ad intervenire. Al 13′ vantaggio bianconero: ottimo cross di Boattin (J) dalla trequarti campo, Bonansea (J) realizza il gol, con un morbidissimo tocco al volo di piatto destro che scavalca il portiere Fedele (E), facendosi trovare libera in mezzo all’area, complice una difesa empolese completamente sorpresa. Al 15′ immediata reazione dell’Empoli: Bellucci (E) scarica bene per Polli (E) al limite dell’area e l’attaccante incrocia, col destro, poco alto sopra la traversa. Al 24′ Boattin batte un calcio di punizione, Girelli controlla bene il pallone in area col corpo e tenta la conclusione ma viene murata, allora ci riprova Stašková ed ottiene un calcio d’angolo. Dalla bandierina Boattin combina con Caruso che passa in orizzontale per Bonansea: l’attaccante incrocia col destro dal limite dell’area, tiro che sfiora il palo. Al 32′ Boattin calcia un’altra punizione, Stašková fa sponda aerea e l’Empoli pasticcia innescando Girelli che, col sinistro al volo, calcia a lato. Al 36′ ottima verticalizzazione in profondità di Girelli che innesca Bonansea ma Fedele esce con i tempi giusti e spedisce il pallone in rimessa laterale senza troppi complimenti. Al 37′ pareggio dell’Empoli: Glionna (E) si gira benissimo, sulla fascia destra, con un rapido gioco di gambe, disorientando completamente Boattin e Caruso, e mette un traversone su cui Polli non arriva per pochissimo ma sul secondo palo Acuti (E) è implacabile, complice una marcatura difettosa di Lundorf. Al 47′, ultimo minuto di recupero, Bonansea scodella col destro un pallone delizioso verso il centro dell’area empolese che Caruso devia bene ma con poca cattiveria: occasione colossale sventata da un prodigioso intervento di Fedele.

2° tempo

La Juventus alza subito la pressione ed al 47′ ottiene un calcio d’angolo: sugli sviluppi Di Guglielmo (E) devia di testa la palla su cui s’avventa Stašková che, di punta al volo, tenta di sorprendere Fedele sul primo palo, ma calcia a lato di poco. Al 51′ sgaloppata impressionante sulla fascia destra di Di Guglielmo, Galli (J) non la tiene in velocità ed il capitano empolese mette un pallone radente che Polli, al limite dell’area piccola, controlla con mestiere e lo passa alla sua destra per Acuti, che calcia con potenza e precisione: la risposta, in calcio d’angolo, di Giuliani, portiere bianconero, è semplicemente straordinaria. Sul successivo tiro dalla bandierina arriva, al 52′, il vantaggio dell’Empoli: De Rita (E) sovrasta Lundorf nel gioco aereo e Polli colpisce di destro, con una spaccata a mezza altezza, eludendo efficacemente la marcatura delle avversarie. Guarino, allenatrice delle bianconere, intuisce che il momento è critico per la sua squadra e cambia immediatamente Caruso con Cernoia (J). Al 55′ pareggio bianconero: gran lancio in profondità di Pedersen (J) per Stašková che, in campo aperto, controlla bene il pallone e lo passa con scarsa precisione a Bonansea che, d’esperienza, se lo aggiusta a dovere, aspetta l’uscita di Fedele, la sorpassa ed imbuca il pallone praticamente a porta vuota. Al 57′ nuovo vantaggio juventino: Girelli insegue con caparbietà un pallone di Bonansea, deviato con sufficienza da Binazzi verso l’area di rigore, e viene atterrata con ingenuità da Fedele: l’arbitro non ha dubbi ed assegna il tiro dal dischetto che l’attaccante bresciana trasforma con sicurezza. Poco dopo entra in campo Rosucci (J) al posto di Stašková ed il centrocampo bianconero acquista decisamente più equilibrio, infatti l’Empoli fatica ad impensierire seriamente la Juventus. Al 74′ Rosucci, su sviluppi di un calcio di punizione, mette un pallone radente in orizzontale verso l’area su cui Bonansea fa velo di tacco per Sembrant (J) che calcia fuori da ottima posizione. All’85’, improvvisamente, si riaccende l’Empoli: Dompig (E), subentrata nella ripresa, entra in area bianconera, dove c’è confusione in marcatura tra Galli e Gama (J), e la capitana juventina risolve la faccenda scalciando l’avversaria abbastanza inspiegabilmente. L’arbitro assegna il calcio di rigore e Prugna spiazza Giuliani quindi nuovo pareggio dell’Empoli: la partita riprende vigore. Da qui in poi vengono momenti concitati tra le due squadre, con la Juventus protesa nel massimo sforzo per agguantare la vittoria e l’Empoli a totale protezione del risultato acquisito. Al 90′ entra Zamanian (J) per Galli: l’anglofrancese, due minuti dopo, s’incarica di battere un preziosissimo calcio di punizione per la Juventus quasi da centrocampo e lei, con freddezza, calcia perfettamente verso l’area empolese dove trova Pedersen che, di testa, riesce a colpire il pallone ma Polli commette un errore fatale ed intercetta con la mano da distanza ravvicinata. Il rigore che ne consegue è ineccepibile e sul dischetto si ripresenta Girelli, che calcia esattamente allo stesso modo del precedente, e Fedele lo intercceta ma non riesce a trattenere il pallone che perciò finisce in rete: vantaggio definitivo per le bianconere, che esplodono di gioia al 93′. Al 95′ Gama esce per un problema ad una coscia, e la Juventus gioca gli ultimi cinque minuti in inferiorità numerica, ma non accade più nulla e le bianconere portano a casa un prezioso successo dopo 100′ estenuanti ma soddisfacenti.

Zona Juventus

La Juventus parte bene, tenta di dominare il gioco ma il centrocampo fatica a costruire trame interessanti ed alla lunga l’Empoli riesce ad avere la meglio. Provvidenziali gli ingressi nel secondo tempo di Cernoia, Rosucci e Zamanian, che rimettono ordine alla squadra. Promosse Girelli e Bonansea mentre rimandata la difesa, soprattutto Lundorf che avrà sicuramente modo di rifarsi.

Zona Empoli

Quanto fatto vedere nelle prime due partite dalle ragazze di Alessandro Spugna è veramente notevole: la squadra, a volte, manca di lucidità nei momenti topici ma, essendo prevalentemente composta da giovani, è assolutamente comprensibile. Tuttavia esprime un ottimo calcio, sempre propositivo: sistemando a dovere qualche meccanismo difensivo potrà togliersi grandi soddisfazioni in questa stagione.

Di Davide Torretta

Redattore presso Cartellino Rosa

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: