I gol di Magull, Schüller, Lattwein e Popp regalano la migliore delle partenze alle otto volte campionesse.

La caccia della Germania al settimo titolo in otto tornei inizia con una secca vittoria per 4-0 sulla Danimarca e ben tre legni colpiti.

La partita in breve: la Germania è sempre lei

Si era parlato molto della fine del dominio tedesco negli ultimi anni, ma è come se così non fosse perché la squadra di Martina Voss-Tecklenburg aggredisce la Danimarca fin dall’inizio.

Il terzino sinistro Felicitas Rauch vede negarsi due volte la gioia del gol dai legni, ma a metà del primo tempo Lina Magull apre le marcature d’opportunismo togliendo la palla a Stine Pedersen e insaccando all’incrocio.

Non si placano i ritmi nella ripresa, con la Danimarca che rischia di subire più volte il secondo gol e l’ottima Lene Christensen a tenerla in partita. L’estremo difensore, però, non può niente contro Lea Schüller, che al 57′ svetta di testa su calcio d’angolo e raddoppia.

La Germania continua ad avanzare incessantemente e sfiora il 3-0 con la subentrata Lattwein, che colpisce una traversa poco dopo il suo ingresso. Poco dopo, però, la giocatrice non sbaglia, mentre all’86’ arriva il quarto gol di Popp. Nel recupero c’è ancora tempo per l’espulsione di Kathrine Møller Kühl per doppia ammonizione.

Formazioni

Germania: Frohms; Gwinn, Hendrich, Hegering, Rauch; Oberdorf (Lohmann 84′), Däbritz (Lattwein 61′), Magull (Dallmann 69′); Huth, Schüller (Popp 61′), Bühl (Brand 61′)

Danimarca: Christensen; Sevecke, Stine Pedersen, Veje; Thomsen (Larsen 84′), Troelsgaard (Kühl 55′), Sofie Pedersen, Svava (Boye Sørensen 70′); Madsen (Gejl 55′), Bruun (Nadim 55′), Harder

Fonte foto copertina: uefa.com

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: