Qualcuno potrebbe aver già dimenticato che il Meran è una neopromossa. Si parla già di favola, ma la realtà è che la rosa a disposizione di mister Campolattano può stare a questi livelli. Aver battuto il Riccione e fermato il Venezia FC entrambi fuori casa lo dimostra. Se non bastasse, si pensi che Nischler (capocannoniere del torneo) conta 15 gol, tanti quanti ne hanno messi a segno Battaiotto, Matiz e Gashi insieme. Per il Porto però la gara è davvero affascinante, con la possibilità di essere la prima squadra a “rigare la macchina” alle altoatesine, sempre vincenti in casa finora. Calcio d’inizio alle 14.30 al “Combi” di Merano, arbitrerà Cevenini di Siena.

Portogruaro

Le granata arrivano alla gara del “Combi” nettamente da sfavorite, dopo la sconfitta in casa contro la Triestina, ma con la consapevolezza che Mister Maggio, l’anno scorso ha dimostrato di saper mettere in difficoltà il congegno offensivo di Nischler e socie, quando ancora il Brixen lottava per la promozione. Finì 2-1 un anno fa, risultato frutto di un rigore evidente non fischiato al Porto, e anche il Trento, poi campione, faticò non poco in casa. Inoltre, fare punti significherebbe con ogni probabilità allungare sul Villorba (impegnato in casa del Bologna).

Meran

Il Meran è una squadra a trazione anteriore, forte dell’attacco di gran lunga migliore del campionato, con 44 gol. Nelle prime quattro gare interne le ragazze di mister Campolattano hanno finora segnato 22 gol e vinto sempre. Numeri che dimostrano una grande efficacia realizzativa da parte di una rosa composta, in sostanza, dalle migliori giocatrici provenienti dalle squadre regionali non più presenti in categoria come Unterland Damen, Isera e Brixen. Il valore aggiunto, in un torneo che presenta ai nastri di partenza formazioni molto attrezzate, potrebbe però essere lo spirito di gruppo che si respira al confine con l’Austria.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: