Manca sempre meno all’esordio della Nazionale italiana nell’Algarve Cup dopo 12 anni dall’ultima volta. Ad attendere le azzurre sono i padroni di casa e organizzatori dell’evento, il Portogallo.
Una sfida che accende i ricordi dei tifosi italiani all’8 giugno 2018 quando si giocò la sfida decisiva per la qualificazione ai Mondiali francesi dell’ormai passato 2019. In quell’occasione le ragazze di Milena Bertolini sconfisse il Portogallo con un secco 3-0 (a segno Girelli, Salvai e Bonansea) qualificandosi così alla Coppa del Mondo dopo 28 anni.

Ora dopo 635 dalla storica qualificazione l’Italia si ritrova di fronte la nazionale iberica decisa come ogni anno a mettersi in mostra nel proprio torneo casalingo nonostante il divario tecnico con le altre nazioni partecipanti.

Come paese ospitante il Portogallo è stato sempre presente fin dalla prima edizione, raggiungendo nell’edizione del 2018 in 3° posto battendo la favorita Australia.

Il CT Francisco Neto nella scelta delle convocate ha optato per un mix di esperienza come Dolores Silva che può vantare 109 presenze, e giocatrici molto giovani come Andreia Jacinto classe 2002. Una scelta in vista del futuro per aiutare le giocatrici più giovani a crescere nel corso di importanti competizioni internazionali.

Pericolo numero uno per la difesa azzurra è senza dubbio Jéssica Silva, addirittura paragonata al Ronaldo del femminile per via delle sue grandi doti tecniche. Dopo due anni in Spagna nel Levante è stata portata in Francia per vestire la maglia del Lione, una delle squadre più forti al mondo, con cui ha anche esordito quest’anno in Champions League. I suoi punti di forza sono la velocità e gli 1vs1 dove è in grado di mettere in mostra tutto il suo potenziale tecnico.

Non resta che darvi appuntamento a mercoledì 4 marzo alle 21:15 in diretta su Rai Sport per poter assistere a Portogallo-Italia con le portoghesi in cerca della rivincita.

di Mattia del Giudice

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi