Nella bella cornice dello Stade de Genève si disputa la prima partita del girone A di UEFA Women’s Champions League e Zamanian al 11′ accende la sfida effettuando un destro dai trenta metri ad incrociare che esce a lato di poco. Lundorf al 14′ recupera bene palla sulla trequarti campo, si lancia in avanti e conclude col destro sul primo palo dove la portiere avversario Pereira risponde efficacemente in angolo con la mano sinistra aperta. Al 26′ Caruso passa in profondità per Bonfantini che viene placcata in area da Mendes: l’arbitro valuta come falloso l’intervento ed assegna il calcio di rigore che viene battuto centrale da Stašková al 27′, ma Pereira lo neutralizza senza troppi problemi con le gambe. Al 36′ la Juventus passa in vantaggio: Lundorf dalla fascia destra passa la palla a Boattin che, dalla trequarti, dà una rapida occhiata in profondità e col sinistro lancia per Caruso la quale colpisce incrociando col destro al volo non lasciando scampo a Pereira. Al 38′ Mendes si spinge in zona offensiva e dai venticinque metri conclude col destro verso la porta bianconera: Peyraud-Magnin risponde prontamente alzando bene la sfera sopra la traversa. Al 42′ Boattin si lancia sulla fascia sinistra verso il fondo del campo e mette poi il pallone basso in mezzo all’area: dalla parte opposta arriva Hurtig che conclude sul secondo palo, non trovando però lo specchio della porta di poco. 

Il secondo tempo parte subito con la Juventus all’attacco: al 48′ Caruso lancia dalla trequarti col destro verso la parte opposta per Hurtig, che prima controlla bene la palla, poi disorienta il difensore ed infine colpisce col sinistro ad incrociare, ma Pereira risponde bene in allungo. Le bianconere raddoppiano al 65′: Rosucci passa la palla verso Stašková, che la gestisce bene in mezzo all’area e la direziona poi per Hurtig la quale, praticamente da sola di fronte al portiere, incrocia agevolmente col piatto destro alle spalle di Pereira. Al 66′ reazione veemente delle padrone di casa: Mendes crossa benissimo col destro a rientrare e Padilla colpisce di testa trovando la base del secondo palo. Al 71′ la Juventus mette il tris: Rosucci vede libera Cernoia quasi al limite dell’area, la serve e la centrocampista bresciana colpisce fortissimo col sinistro sul primo palo, dove Pereira sfiora la palla non riuscendo però a deviarla in angolo. Al 77′ Stašková conclude a rete con un destro potente sul primo palo, ma Pereira risponde ottimamente in angolo. Al 89′ Stašková riceve palla da Nildén e conclude col destro da posizione defilata sul secondo palo, ma Pereira risponde ancora molto bene in angolo con la mano di richiamo.

Servette – Juventus 0-3

Marcatrici: Caruso al 36′; Hurtig al 65′; Cernoia al 71′

Servette (4-2-3-1): Pereira; Soulard; Felber; Hurni; Mendes; Serrano (dal 63′ Padilla); Nakkach; Boho Sayo (dal 88′ Tamplin); Maendly (dal 76′ Spälti); Fleury (dal 63′ Bourma); Peiro (dal 76′ Sebayang)

A disposizione: Droz; Tufo; Lagonia; Guede; Grivaz

Allenatore: Sévérac

Juventus (4-3-3): Peyraud-Magnin; Lundorf; Lenzini (dal 81′ Hyyrynen); Salvai; Boattin; Rosucci (dal 81′ Nildén); Zamanian; Caruso (dal 68′ Cernoia); Bonfantini (dal 69′ Pedersen); Stašková; Hurtig (dal 87′ Pfattner)

A disposizione: Aprile; Gama; Giai; Beccari; Girelli; Bonansea 

Allenatore: Montemurro

Ammonizioni: Fleury al 7′; Bonfantini al 19′; Maendly al 39′; Caruso al 50′

Espulsioni: /

Recupero: 1° tempo /; 2° tempo 4′

Arbitro: Antoniou

Di Davide Torretta

Redattore presso Cartellino Rosa

Rispondi