VERONA, 10 OTTOBRE 2021 – A Verona contro il Chievo arriva la prima sconfitta stagionale per il Brescia Calcio Femminile in Serie B: lo scontro al vertice contro le gialloblu finisce 3-2 per le padrone di casa, anche se sono tanti i motivi di rammarico per le Leonesse di Garavaglia, in vantaggio di due gol dopo poco più di venti minuti. Le padrone di casa riescono a pareggiare già nel primo tempo e poi a chiudere la rimonta nel finale di partita. In gol per il Brescia Luana Merli e Asta.

LA PARTITA – Mister Elio Garavaglia è costretto a far fronte al forfait di Laura Perin al centro della difesa: al suo posto Barcella a far coppia con Galbiati; sulle fasce Asta a destra e Viscardi a sinistra davanti a Lonni in porta; a centrocampo Ghisi, Magri e Saggion; davanti Hjohlman, Cristina Merli e Luana Merli. Arbitra Muccignato di Pordenone.
La prima azione è del Chievo con Marenic al 2′ che ci prova dal limite: pallone centrale. Al 5′ il vantaggio del Brescia: pallone recuperato a centrocampo con Luana Merli che si fa quaranta metri palla al piede e calcia poco dentro l’area di rigore col sinistro non lasciando scampo a Oliviero. Il Chievo risponde al 10′ con Bolognini dalla distanza su calcio di punizione: pallone non lontano dallo specchio. Al 23′ il Brescia raddoppia: Asta trova col sinistro una traiettoria imparabile per Oliviero che si infila sotto l’incrocio lontano. Ma il Chievo non ci sta, guadagna campo e al 27′ accorcia le distanze con Valentina Boni che riceve in area un bel filtrante di Marenic e davanti a Lonni è fredda e precisa. Passano due minuti e arriva il pari delle padrone di casa: è Peretti a risolvere una mischia in area sugli sviluppi di un corner, con Lonni brava a respingere d’istinto una prima conclusione ravvicinata. La ripresa si apre con un doppio cambio per il Brescia: fuori Hjohlman e Ghisi, dentro Brayda e Bianchi. Al 9′ occasione Brescia sul cross di Brayda sporcato da un difensore del Chievo che mette fuori tempo Oliviero, ma l’estremo difensore di casa con un colpo di reni toglie il pallone dalla porta. Al 14′ esce Magri, al suo posto entra Pasquali. Al 23′ occasione Chievo con Marenic imbeccata da Boni, ma la conclusione dell’attaccante clivense è deviata in corner. La punta di casa si ripete al 25′ ma la sua conclusione esce di poco. E’ il preludio del vantaggio del Chievo proprio con Marenic, che batte Lonni con un diagonale preciso dall’interno dell’area. Al 32′ Chievo vicino al quarto gol ancora con Marenic che si gira in area e calcia col sinistro: pallone alto di poco. Al 40′ esce Saggion, al suo posto Tengattini e un minuto dopo Brayda va vicina al gol del pareggio con una conclusione potente dall’interno dell’area che sfiora l’incrocio dei pali. Al 44′ ci prova di testa Barcella da una punizione laterale, ma la sua conclusione è debole. Nel recupero, al 47′, Asta ci prova dalla distanza su calcio di punizione ma il pallone sibila a lato. Nel finale si fa male Gaia Bianchi per una botta alla schiena, sostituita da Maroni. Non succede più niente, e per il Brescia arriva così il primo ko in campionato che ora si ferma per due settimane: domenica prossima a Brescia arriva la Lazio per la prima partita di Coppa Italia, poi il 24 ottobre turno di riposo.

CHIEVO – BRESCIA 3-2

Chievo Verona Olivieri, Tunoaia, Zanoletti, Salaorni, Pecchini (1’ st Dallagiacoma), Gironi, Bolognini (17’ st Fancellu), Peretti, Mascanzoni (25’ st Piergallini), Boni, Marenic (45’ st Verrino). (Boaglio, Caliari, Mele, Zanoni, Fabbroni). Allenatore Venturi


Brescia Lonni, Asta, Galbiati, Barcella, Viscardi, Ghisi (1’ st Bianchi, 52’ Maroni), Magri (14’ st Pasquali), Saggion (40’ st Tengattini), Hjohlman (1’ st Brayda), Merli Cristina, Merli Luana. (Monaci, Ballabio, Pellegrinelli, Canobbio). Allenatore Garavaglia

Arbitro Muccignato di Pordenone
Reti pt 5’ Merli Luana, 23’ Asta, 27’ Boni, 29’ Peretti; st 31’ Marenic
Note Stadio Aldo Olivieri. Calci d’angolo 6-3 Recupero pt 1’, st 8’.

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi