Ai microfoni di Cartellino Rosa abbiamo avuto il piacere di ospitare Emiliano Testini Allenatore dell’ACF Arezzo.

Emiliano Testini Ex Calciatore centrocampista di carattere e personalità vanta una presenza in Serie A con il Perugia, ma trascorre gran parte della sua carriera tra Serie C1 e Serie B, vestendo diverse maglie tra cui quelle dell’Albinoleffe, Triestina ed Arezzo. Oggi Testini è alla guida della ACF Arezzo in Serie C.

Domenica siamo stati ospiti dell’ACF Arezzo, per la prima giornata di campionato contro la Solbiatese. A termine della partita abbiamo raccolto alcune dichiarazioni del Mister.

Di Seguito l’intervista integrale.

Oggi è iniziato il vostro campionato; è ufficialmente partita la stagione dell’Arezzo in Serie C. E’ stata una partita divisa in due, un primo tempo in cui l’Arezzo non è stato quello che conosciamo; un secondo tempo decisamente di un altro livello. Qual è il suo commento sulla prestazione delle sue ragazze?

Credo che il primo tempo abbiamo fatto, tanti errori tattici tecnici, eravamo poco aggressivi, non eravamo corti non riuscivamo a chiudere le traiettorie di passaggio, Eravamo in difficoltà.

Infatti, poi abbiamo cambiato, ci siamo messi in una maniera diversa che ci ha permesso di tenere meglio il campo, siamo andati in vantaggio, abbiamo avuto anche due occasioni clamorose nel primo tempo per andare anche su un risultato diverso; però c’è anche da dire che la Solbiatese ha meritato di chiudere in vantaggio il primo tempo perché ci ha messo in difficoltà sotto tanti punti di vista. Abbiamo cercato di tamponare.

Il secondo tempo invece è stata un’altra partita, questo lo dice il campo, io nel secondo tempo non ricordo situazioni in cui loro ci abbiamo creato particolari pericoli, o che il nostro portiere abbia fatto parate clamorose.

Ricordo almeno due/tre palle gol, siamo rimaste in dieci e lì la partita si è messa male, è diventato tutto più complicato. Però in 10 siamo riusciti a pareggiare una partita contro una squadra veramente forte.

Siete rimasti in 10 sul 1-2 per la formazione ospite; questo è un Arezzo che non molla, che ha tanto carattere, è un gruppo che va avanti tutto insieme…

L’Arezzo deve essere quella del secondo tempo, deve giocare come sa fare; capire e leggere le partite per come si mettono e per quello che il campo ci mette a disposizione.

Non possiamo pensare di palleggiare costantemente quando non c’è la possibilità, a volte si adottano anche strategie diverse per cercare di mettere in difficoltà gli avversari.

Allo stesso tempo credo che il secondo tempo l’Arezzo sia riuscito a tirar fuori le proprie qualità e anche il proprio aspetto fisico; arrivare al 90’ con questa intensità e aggressività rimanendo in 10 credo sia la dimostrazione che l’Arezzo ne ha tanto. 10’ minuti prima del rigore abbiamo sbagliato un gol davanti alla porta con Ceccarelli che poteva portarci già lì al pareggio.

Un’altra nota positiva di questo secondo tempo è il rientro di Zelli dal lungo infortunio al crociato, un rientro ad alta intensità; come giudica la sua prestazione?

Lei era dispiaciuta perché credeva di non aver fatto bene, invece ha fatto una grande prestazione.

E’ entrata in un momento della partita particolarmente complesso, ha dato quella qualità fisica e tecnica di cui avevamo veramente bisogno. Sono veramente contento per lei, contento del suo rientro dopo 6/7 mesi dall’infortunio al crociato. Sono contentissimo della sua Prova.

La redazione di Cartellino Rosa ringrazia l’ACF Arezzo e il Mister per la disponibilità e facciamo loro un grosso in bocca al lupo per la stagione.

Intervista video disponibile sul nostro canale YouTube.

Rispondi