Annunci

La Serie A Femminile 2020-21 si era conclusa con un sorprendente 2-2 proprio contro il Milan, ma quest’anno il campionato dellìHellas Verona parte male con una netta sconfitta per 4-0, propio con le rossonere, non tanto per il risultato, ma per il gioco espresso e qualche decisione non troppo condivisibile.

Il centrocampo ha voglia e cattiveria, con Nilsson sempre propositiva in entrambi le fasi, ma non sempre supportata al meglio dalle compagne, nonostante alcuni spunti molto interessanti proposti dalla svedese.

La difesa alterna ottimi interventi, a confusione totale, che causa buchi enormi, rendendosi una ghiotta preda per il predatrici filtranti di Boquete per le compagne. Peccato perchè proprio la linea della retroguardia era il grande punto di forza dell’Hellas, anche se mancava una pedina fondamentale come Meneghini.

Il punto più critico è però l’attacco, troppo leggero, con Pasini e Anghileri che non assicurano la giusta pesantezza fisica e tattica di cui ha bisogno una squadra come quella di Pachera, il quale ha lasciato in panchina Alessia Rognoni e Lineth Cedeno, due giocatrici che appena subentrate hanno regalato la giusta concretezza, portando almeno le gialloblù nella metà campo avversaria e realizzando così le prime conclusioni della partita.

L’avversario era di livello, certo. Il calendario non aiuta, le prossime sfide saranno con Sassuolo e Juventus, altre due squadre di alta classifica. Dovranno essere per le Giuliette degli allenamenti utili per capire subito i propri difetti tattici, in modo da prepararsi al meglio per gli scontri diretti, il primo alla 4^ Giornata in casa con il Napoli Femminile, sperando di vedere il miglior attacco possibile…

@RiccardoDonatoni

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi