Tanta l’attesa attorno al club nerazzurro e all’inizio della sua nuova era, con l’arrivo in panchina della condottiera Rita Guarino dalle rivali della Juventus, con cui ha dominato gli ultimi quattro campionati conquistando 4 Scudetti, 1 Coppa Italia e 2 Supercoppe Italiane.

L’Inter, dopo la stagione delle invincibili e la promozione in Serie A, non è mai riuscita a distinguersi in positivo nelle due scorse stagioni in massima categoria, anzi, tante le critiche rivolte a società ed a mister Sorbi, il quale non è andato oltre ad un 7° ed 8° posto, con l’apice raggiunto con la prima vittoria nel derby di Coppa Italia con il Milan, che alla fine eliminò comunque le cugine in semifinale.

Sabato, all’esordio in campionato, le Bauscia si trovano di fronte il Napoli Femminile, squadra sempre ostica da affrontare in trasferta ed intenzionata a stupire, con in panchina un’altra importante figura come Alessandro Pistolesi.

Il match, inizialmente divertente ed equilibrato, mostra un’Inter inedita, veloce e grintosa, contro un’avversario in campo posizionato molto bene ed in grado di giocarsi qualche sua carta.

Ma alla fine sappiamo tutti com’è andata a finire, ovvero con un secco 3-0 a favore delle ragazze di Rita Guarino, posizionate e mosse sulla scacchiera verde con una semplicità che fa quasi paura, illuminando lo stadio ed intrattenendo tifosi ed appassionati.

I nuovi acquisti sembrano essersi subito integrati, cosa che negli scorsi anni invece era un problema all’interno del gruppo squadra, mentre ora giocano in maniera fluida, trasmettendo quella voglia di lottare e sudare tutti insieme per gli stessi colori.

Era solo la prima partita, certo. Ma chi ben comincia…

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi