L’abbiamo visto già nelle scorse stagioni. La Serie A Femminile è molto corta e il minimo errore potrebbe condizionare la stagione, non regalando più occasioni per recuperare dopo essere inciampati.

Proprio per questo, il Milan di Maurizio Ganz deve scendere in campo contro la Sampdoria con solo un risultato in mente, consapevoli della propria forza, già dimostrata nella gara iniziale contro l’Hellas Verona.

Quest’anno per confermare almeno il secondo posto e la qualificazione in Champions, servirà dare molto di più, soprattutto dal punto di vista del gioco, indifferentemente dall’avversario che ci si trova davanti a difesa della propria porta.

All’esordio stagionale in A, Boquete ha illuminato limpostazione rossonera, con verticalizzazioni delicate e decise allos tesso tende, cioccolatini per capitan Giacinti, sempre pronta a scartarli per trasformarli in goal.

Altra nota positiva i precisi lanci di Adami, sempre pronta a proporre offensive al reparto offensivo, dove però spesso e volentieri Thomas non riesce a concretizzare. Proprio la francese dovrà crescere da questo punto di vista, in vista di impegni d’alta classifica, come il Sassuolo alla quarta giornata.

Il trittico difensivo formato da Fusetti-Agard-Codina dovrà ben reggere l’urto dell’attacco blucerchiato, il quale ha già dimostrato di essere pericoloso, ma chissà se lo sarà abbastanza contro la diga delle casciavit.

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi