Annunci

Nata il 23 febbraio 2000, Miriam Longo inizia a giocare a calcio all’oratorio slv di Milano, per poi passare al AS Nord Ovest disputando i campionati CSI, fino alla categoria under 14 dove emerge per talento in mezzo alle squadre maschili. Ha iniziato la carriera da professionista nella stagione 2015-2016 nelle Dreamers di Pero, in provincia di Milano, in Serie C.

Nel 2018 approda nel neonato AC Milan con Carolina Morace in panchina, con cui nel corso della prima stagione rossonera, subentra spesso e volentieri nella ripresa.
Nella stagione 2019-20, con Maurizio Ganz in panchina, trova il suo primo goal con le casciavit nel derby di Coppa Italia con l’Inter il 12 dicembre 2019. Proprio nel periodo dove inizia a trovare maggior spazio, l’annata calcistica verrà interrotta a causa della pandemia causata dal Covid-19.
Nella stagione successiva, viene schierata titolare alla prima gara di campionato contro la Florentia San Gimignano, dove segnerà al 15′ il goal vittoria, prima di infortunarsi durante l’esultanza. Tanta la sfortuna, che la accompagnerà per praticamente tutta l’anno, senza più riuscire a mettersi in mostra.

Proprio in quei 15 minuti, Miriam era riuscita probabilmente a tirare fuori il meglio della coppia offensiva Giacinti-Dowie, per tutto il resto del campionato slegata e mai in sintonia, eccetto appunto, per quel quarto d’ora con alle spalle la classe 2000, bravissima a legare le due attaccanti. (Vedi: CR Milan: brillano le millennials)

Sabato 17 luglio 2021, nella prima uscita stagionale nell’amichevole con le lituane del Gintra, è stata lei a risolvere la situazione entrando dalla panchina, siglando il goal del pareggio, con le compagne ancora con grande pesantezza sulle gambe, come bloccate.

Dotata di una grande tecnica, un’ottima velocità ed imprevidibilità, Longo potrebbe essere la stella a sorpresa del Milan nella prossima stagione, avendo già dimostrato di essere in grado di poter risultare decisiva, quando magari le compagne faticano a trovare la soluzione vincente.
Inoltre la numero 23 può adattarsi a vari moduli, potendo giocare come trequartista, ala destra o seconda punta a fianco di Valentina Giacinti. Una giocatrice molto duttile per la fase offensiva, mettendo a disposizione di Ganz più soluzioni nel corso di un match, magari non proclamandosi bomber, ma servendo su piatti d’argento assist alle compagne.

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi