Il Milan di Ganz perde il primo derby in Serie A, ma è una sconfitta molto dolorosa. Non solo nel punteggio (3-0). Ma soprattutto perché le rossonere mancano il sorpasso al secondo posto sul Sassuolo. Venendo agganciate a 22 punti dalla Roma (vittoriosa nel recupero a Bogliasco contro la Sampdoria per la sfortunata autorete di Novellino) con l’Inter che si porta a -1 in classifica.

L’obiettivo Champions League è sempre alla portata della squadra rossonera. Ma il gioco prevedibile (palla a Giacinti e vediamo cosa succede) ormai è di facile lettura da parte delle avversarie. Proprio la 9 rossonera è stata tra le poche a salvarsi dalla disfatta contro le ragazze di Guarino. Centrando una traversa e creando altri 3 pericoli sventati da Francesca Durante.

Jane non tradisce mai, anche se risente col passare dei minuti della prova insufficiente delle compagne. Così come Thrige propositiva per tutto il match con continue sortite offensive.

Per il resto molti errori e idee troppo confuse hanno spianato la strada all’Inter che ha dominato dal punto di vista del gioco, del palleggio, dell’intensità e della voglia.

Adesso bisognerà preparare l‘ultimo impegno del 2021, ad attendere le rossonere c’è la Juventus. Dopo le 22 vittorie su 22 gare della passata stagione (con Rita Guarino in panchina) con Joe Montemurro la musica non è cambiata. 10 vittorie in 10 partite e titolo di Campionesse d’Inverno già archiviato. A Torino servirà la prestazione della vita, anche se potrebbe non bastare visti i precedenti.

Infatti con Ganz in panchina il Milan non ha mai battuto la Vecchia Signora: 2 vittorie bianconere e un pareggio, il famoso 2-2 al Brianteo di Monza con l’incornata di Francesca Vitale (ora alla Fiorentina) nei minuti di recupero. Mentre le vittorie torinesi sono state frutto dello storico match di San Siro risolto dal rigore di Girelli. E dal roboante poker inflitto da Guarino a Ganz a Vinovo sul campo Ale & Ricky. Motivo per cui in 4 precedenti con Guarino (3 contro la Juve e 1 contro l’Inter) Ganz non è mai riuscito a sconfiggere l’attuale coach nerazzurra.

Il Diavolo ha sconfitto la Juve solo una volta il 4 novembre 2018 con un netto 3-0 (peggior sconfitta della storia della Juventus in partite ufficiali come contro il Lione in Champions League del 15 dicembre 2020) ma sulla panchina rossonera c’era Carolina Morace e l’attacco era formato da Giacinti, Sabatino e Giugliano.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: