La Fiorentina chiude un 2021 di ricostruzione con un deludente settimo posto in Serie A al giro di boa del campionato. La nota deludente è rappresentata sicuramente dalla fase difensiva. Le ragazze di Patrizia Panico con 17 reti subite in 11 incontri sono la settima difesa del torneo. Mentre l’attacco sta dando soddisfazioni con bomber Sabatino in testa nella classifica dei gol con 8 segnature. Le 20 reti siglate mettono le viola allo stesso livello di Roma (24), Sassuolo (23), Inter (23) e Milan (21), ma i troppi gol incassati non hanno permesso alle toscane di essere competitive per la Champions League.

Le toscane hanno perso contro 5 squadre delle 6 che la precedono in classifica (Juventus, Roma, Sassuolo, Inter e Milan). Motivo per cui nella seconda parte di stagione bisognerà invertire il trend per recuperare punti e posizioni in classifica. Inoltre le ragazze di Panico hanno subito almeno un gol in tutte le 11 gare di campionato, altro aspetto da migliorare nel 2022. In Coppa Italia è stato rispettato il pronostico con la Fiorentina a punteggio pieno nel girone con Lazio e Brescia. Due vittorie frutto del 2-0 sulle Leonesse (Piemonte e l’ex Sabatino) e l’1-0 sulle capitoline (ancora Sabatino) per il passaggio agli Ottavi di Finale.

Per quel che riguarda le singole giocatrici la protagonista assoluta è senza dubbio Daniela Sabatino. Sono già 10 le reti messe a segno (8 in Serie A e 2 in Coppa Italia) dalla numero 9 di Agnone. Assoluto punto fermo dell’11 di Panico e di tutto lo spogliatoio viola, esempio da seguire da tutte per dedizione e professionalità. Da sottolineare l’intuizione di Karin Lundin, la svedese alla sua prima avventura in Italia ha già siglato 6 reti (3 reti alla Lazio, mentre 1 a testa a Sassuolo, Verona e Pomigliano).

Una delle protagoniste di questa Fiorentina è Katia Schroffenegger. La calciatrice di Bolzano dopo le panchine delle prime due giornate contro Sassuolo e Juventus a vantaggio di Tasselli, è entrata in campo contro il Napoli (12 settembre 2021) e non è più uscita.

In negativo invece anche nel 2021 Claudia Neto. La portoghese non sembra riuscire a prendere le misure al calcio italiano, prove opache e senza particolari lampi. Dal giorno del suo esordio in viola (22 agosto 2020 in Fiorentina-Inter 4-0 al Franchi) non ha mai segnato un una stagione e mezza. Ha siglato però 3 assist (tutti quest’anno, 2 contro la Lazio e 1 contro il Verona). Nel 2022 Patrizia Panico dovrà trovare un modo per migliorare la fase difensiva, mentre la Società dovrà fornirle qualche innesto nel mercato invernale se si vuole risalire la china.

Rispondi