Montemurro a punteggio pieno dopo 2 giornate come Milan, Inter, Sassuolo e Roma. Allo stadio Artemio Franchi di Firenze la Juve regala una prestazione di altissimo livello, la squadra si schiera col 4-3-3 con Peyraud-Magnin tra i pali e la linea a 4 con Gama Salvai Boattin Hyrynen. A centrocampo Zamanian Rosucci e Caruso, mentre in attacco Girelli centravanti e Bonansea e Cernoia sulle corsie esterne. Variante presente già ai tempi di Guarino: Con Cernoia e Bonansea esterne nel 4-3-3 i cambi di corsia sono frequenti per non dare punti di riferimento alla retroguardia avversaria.

Primo vero brivido la traversa colpita da Cernoia su punizione dopo la respinta dell’ex bianconera Tasselli. Ritmi non altissimi nella prima frazione ma appena si accende Bonansea sono guai per tutti: Cernoia lancia la numero undici che supera Tortelli e Kravets e insacca.

Anche la seconda rete viene ispirata dalla 7 juventina con un filtrante in area verso Caruso, interviene Vigilucci in scivolata per fermare la 21 bianconera ma la palla termina tra i piedi di Bonansea che apre il piatto destro raddoppiando le marcature dopo la deviazione di Vitale che spiazza Tasselli.

Per non farsi mancare nulla anche il secondo legno colpito vede lo zampino di Cernoia che prima incrocia col mancino trovando la respinta di Tasselli, poi mette in mezzo con Tortelli che libera male l’area facendo impennare la sfera che viene colpita da Rosucci in rovesciata centra il palo interno. Nel finale per chiudere in bellezza Cernoia riesce a timbrare il cartellino con uno splendido mancino direttamente su punizione. A questo punto la Juve può preparare al meglio il ritorno a Torino di Champions League contro il Vllaznia, per poi concentrarsi sulla sfida contro il Verona del 12 settembre alle 17:30 al campo Ale & Ricky di Vinovo.

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi