Annunci

Domenica la Juventus giocherà la sua terza partita in sette giorni. Dopo la convincente vittoria contro la viola per 3-0, con doppietta di Barbara Bonansea, e la qualificazione ai gironi di Champions League grazie al gol di Andrea Staskova, domenica le campionesse d’Italia tornano a Vinovo per affrontare l’Hellas Verona. L’obiettivo, non c’è bisogno di dichiararlo, è quello di continuare a punteggio pieno in campionato, e dopo i due tris rifilati a Pomigliano e Fiorentina, affrontando le venete che arrivano da due poker subiti da Milan e Sassuolo, la cosa pare tutt’altro che improbabile.

Che cosa aspettarci allora da questa partita? Sicuramente in questi primo impegni stagionali abbiamo potuto vedere come Joe Montemurro voglia sfruttare appieno la lunghezza della panchina bianconera, ricorrendo a un massiccio turnover e usando sempre tutti i cambi a disposizione. Questo però ci impedisce di fare una previsione attendibile su come voglia scendere in campo domenica. Il maxi rimpasto porterà a riconfermare le ragazze viste contro la viola, o proverà ad affidarsi a quelle giocatrici, come Pedersen, che hanno bisogno di tornare ad avere più minuti sulle gambe, e alle giovani che scalpitano per mettersi in luce? La squadra che è scesa in campo contro il Vllaznia era per 6/11 diversa da quella che aveva battuto la Fiorentina, a sua volta diversa da quella vittoriosa contro il Pomigliano. Probabilmente tornerà titolare BB11, lasciata a riposo nella sfida di Champions, e chissà se verrà riconfermata Martina Lenzini in difesa o tornerà stabile la coppia Salvai-Gama. Bonfantini partirà ancora titolare? Una cosa è sicura, anche se cambiano le interpreti, questa Juventus sembra trovare facilmente la via del gol, la differenza tra le due rose è imponente, come tecnica e come organico. L’Hellas dovrebbe fare un mezzo miracolo ora per fermare questa squadra.

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi