Le ragazze di Attilio Sorbi conquistano 3 punti fondamentali per la classifica, infatti l’Inter si porta a +7 proprio sul Verona scacciando i fantasmi della bassa classifica. La seconda rete in maglia nerazzurra di Ilaria Mauro, su assist di Marinelli, abbatte il muro gialloblu. Dopo molti problemi in fase difensiva Sorbi ha pescato il classico coniglio dal cilindro spiazzando tutti, Alborghetti centrale di difesa. L’ex Brescia e capitano si è calata perfettamente nel ruolo, già in Coppa Italia contro la Fiorentina, ma adesso sembra padroneggiare i movimenti e guida sapientemente la squadra.

Sulle corsie esterne Brustia e Merlo (rispettivamente classe 1998 e 1999) stanno, col passare delle giornate, crescendo e aumentando l’intensità. Il centrocampo è il reparto dove, vista l’assenza di Simonetti, manca un po’ di tecnica e geometria. Mentre l’attacco sta iniziando a prendere forma, col tridente Tarenzi-Marnelli-Mauro che potrà permettere all’Inter di scalare qualche posizione e programmare meglio il prossimo campionato. Senza dimenticare la semifinale di Coppa Italia contro il Milan, obiettivo importantissimo a questo punto della stagione. Non solo per la rivalità con l’avversario ma soprattutto per la possibilità, eliminando le ragazze di Ganz, di potersi giocare un trofeo.

L’Inter contro il Verona si dimostra compatta e pronta a colpire, la rete di Mauro ne è la dimostrazione. Cross dalla destra di Marinelli per l’ex Fiorentina che sbuca alle spalle di tutti nell’area piccola, Meneghini e Ledri non riescono a chiudere il bomber di Gemona del Friuli che deposita in goal.

Le veronesi iniziano il match a sorpresa con Asia Bragonzi in panchina (7 reti per la calciatrice di proprietà della Juventus in stagione ed ex di giornata), solo al 58′ Longega fa entrare la Golden Girl e la differenza si nota subito. Ogni qual volta la sfera veniva giocata in avanti la velocità della punta di Montodine ha messo in apprensione la retroguardia nerazzurra.

Il goal di Mauro al 75′ costringe Longega ad alzare il baricentro della squadra e l’innesto di Susanna un minuto dopo il goal nerazzurro serviva per dare manforte a Bragonzi in attacco. La buona volontà della squadra veronese però non è bastata, perché di occasioni clamorose non ne hanno create. Sconfitta indolore per le scaligere perché arrivate in concomitanza di quelle di San Marino (contro la Juve), Napoli (contro il Sassuolo) e Bari (contro il Milan). Nel prossimo turno il Verona se la vedrà però contro la Roma, reduce dalla spettacolare vittoria per 2-0 contro l’Empoli.

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: