foto di Andrea Nicodemo

Un gol all’inizio e uno al tramonto della partita assegnano tre punti d’oro alla Jesina, che esce dalla zona playout, scavalcando proprio il Portogruaro. Le granata si sono difese bene ma hanno faticato a trovare soluzioni in attacco. C’era un solo un punto di distanza alla vigilia, segno che i valori non erano distanti tra le due. La Jesina ha segnato subito e giocato un primo tempo propositivo, poi ha tenuto botta nella ripresa. Colpite a freddo, le locali hanno perso certezze. I cambi di Maggio (poi espulso) nella ripresa hanno fatto alzare il baricentro granata, anche se le occasioni faticavano ugualmente a sgorgare, contro un avversario grintoso e ben disposto dietro. Il gol di Finotto poteva essere la svolta, ma la partita si era ormai imbruttita, anche a causa di una condotta arbitrale permissiva, che ha acceso gli animi in campo quando invece sarebbe probabilmente servita una linea più rigida. Il gol finale è giunto inatteso per i binari su cui andava la gara, ma premia le marchigiane che lo hanno cercato fino in fondo.

Vantaggio lampo

120” e marchigiane in vantaggio al primo affondo, con Modesti che mette sotto l’incrocio su punizione dai venti metri. Porto che non si scompone, al 7′ Generali C. in uscita ferma Furlanis lanciata a rete. Modesti di nuovo pericolosa da fermo al 15′ ma il destro è di poco alto. Le ospiti manovrano rasoterra, grazie alla regia di Modesti e la personalità della 2005 Fiucci, ma la difesa granata non concede occasioni. In compenso accumulo di corner per le marchigiane. Super occasione Porto al 40′: spunto di Furlanis, Gashi mette in mezzo e Battaiotto timbra la traversa.

Finale vibrante

La Jesina inizia la ripresa con una difesa più folta, Maggio risponde inserendo Minutello, Spollero e Finotto. La pressione granata a centrocampo cresce e le marchigiane aumentano la percentuale di errori nei passaggi. Sale, conseguentemente, anche la presenza delle granata, che chiedono il rigore per un fallo border line su Furlanis. L ‘arbitraggio permissivo fa scaldare l’ambiente e la partita perde di intensità. Tamburini in contropiede al 25′ manda in porta Verdini, ma Comacchio fa un miracolo. Un lampo di Finotto servita in profondità al 28′ pareggia i conti. Finale tirato, Maggio viene espulso per proteste. A 2′ dalla fine Gava V. non riesce a spazzare e Tamburini ha il matchball ma mette fuori a tu per tu con Comacchio. È il preludio al colpo del K.O. di Verdini, che al 90′ incrocia dal vertice destro dell’area.

Reti

2′ pt Modesti, 28′ st Finotto, 45′ Verdini.

Ammonizioni

Modesti, Gava V., Roveretto, Rossetti

Espulsioni

Maggio

Recupero

0 pt, 4 st

Jesina

Generali C., Zambonelli (40’ st Amaduzzi A.), Amaduzzi M.(23’ st Rossetti), Generali F., Crocioni (16’ st Gambini), Modesti (31’ st Mosca), Fontana (12’ st Verdini), Fiucci, Gallina, Picchio, Tamburini. Allenatore: Baldarelli. A disposizione: Latini, Oleucci, Coscia, Valtolina.

Portogruaro

Comacchio, Molinaro (36’ st Spinelli), Gava V., Zamberlan (5’ st Spollero), Chiarot, Gava C., Matiz (7’ st Finotto), Gashi (12’ st Minutello), Roveretto (19’ st Chies), Furlanis, Battaiotto. Allenatore: Maggio. A disposizione: Piovesan, Volpatti, Durigon, Piemonte.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: