foto di Andrea Nicodemo

E pensare che la prima grande chances della partita era stata granata: una discesa di Furlanis che ha costretto Palmiero a una gran deviazione in tuffo. Innegabile la superiorità territoriale ospite, ma il Portogruaro in contropiede ha sfiorato altre due volte il gol: “Sapevo che sarebbe stata una partita complicata – spiega mister Maggio -. Il Vicenza mi sembra al momento la squadra migliore che abbia visto. Hanno fisicità, maturità, esperienza, tecnica e con individualità importanti. Abbiamo avuto alcune situazioni per tener viva la partita, tre palle gol nitide, loro hanno concretizzato noi no e la partita è sfuggita di mano. Le ragazze si sono impegnate, anche il campo era difficile”.

Il Vicenza è stato più preciso, ma sconfitte come questa possono portare insegnamenti importantissimi per il futuro: “Dal punto di vista fisico – ha spiegato l’allenatore originario di Hemer – dobbiamo crescere. La squadra è giovane e non ha questa caratteristica. Certo, il nostro campionato non è con queste squadre, ma potevamo dare loro più filo da torcere“.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: