Annunci

foto di Andrea Nicodemo

Non vinceva dalla prima giornata l’Atletico Oristano. In riva al Lemene sono arrivati tre punti tanto belli quanto inaspettati, grazie ai quali ora la compagine sarda è uscita dalla zona pericolosa. Anche un anno fa al “Mecchia” furono fuochi d’artificio: 2-5 con tripletta di Mattana, al ritorno però le granata si vendicarono vincendo 0-4 in Sardegna. Il presidente Emilio Naitza si gode altri tre punti pirotecnici e ci scherza su: “Speriamo non si ripeta anche il risultato del ritorno in casa nostra! – ha esordito – Il Portogruaro è una bella squadra, lo ha dimostrato anche domenica, quando lo si affronta escono sempre partite combattuta. Le nostre ragazze sono state brave e fortunate“.

E pensare che una settimana fa l’Isera era passata al “Tharros” per 0-3. In più al “Mecchia” non c’era la bomber Mattana, out per squalifica, ma la differenza l’ha fatta la tenacia del gruppo, rimasto a galla nel momento di massima spinta portogruarese e capace di prendersi la vittoria all’ultimo respiro (sospiro per le locali) e un pizzico di fortuna: “A volte la fortuna si ritrova a favore, a volte contro – spiega Naitza -: contro l’Isera abbiamo giocato all’arma bianca, ma su due tiri presi abbiamo subito tre gol. Una partita, quella, nata storta e finita peggio. Contro il Portogruaro la buona sorte ci ha restituito qualcosa”

Rispondi