Piovani è costretto a rinunciare a Bugeja e Dubcova per infortunio, ma la filosofia del Sassuolo non cambia: Testa alta e giocare a calcio. Senza due delle principali protagoniste del campionato neroverde l’attacco è totalmente sulle spalle di Valeria Pirone, la classe 1988 di Torre del Greco non delude le aspettative e combatte come una gladiatrice per tutta la gara.

Il 4-3-3 di conseguenze appare stravolto nei nomi (Monterubbiano e Battelani al posto di Bugeja e Dubkova) ma non nella sostanza, le 3 punte si muovono su tutto il versante dell’attacco cercando scambi per favorire gli inserimenti delle centrocampiste e degli esterni. Mihashi è la prima a rendersi pericolosa con un missile terra-aria che si schianta contro la traversa, per poi passare al colpo di testa di Battelani a lato di pochissimo sul perfetto cross della solita inarrestabile Lenzini.

Il goal è nell’aria e nella ripresa il Sassuolo la sblocca col tap-in di Santoro che da due passi non perdona dopo la respinta di Tasselli sul precedente tentativo aereo di Pirone. Vittoria importantissima per le neroverdi che consolidano il terzo posto a -8 dal Milan.

Il Napoli dal canto suo ha sperato di poter sfruttare la assenze neroverdi, ma anche Pistolesi doveva fare i conti con l’infermeria. Infatti erano assenti Deppy, Popadinova (nominata calciatrice bulgara dell’anno per la quinta volta), Goldoni (infortunio alla caviglia), Perez e Nocchi.

Il tecnico azzurro aveva preparato la sfida chiudendo tutte le linee di passaggio e creando densità nella zona centrale del campo per evitare gli scambi della ragazze di Piovani, e sembrava esserci riuscito ma la neroverdi col passare dei minuti hanno fatto valere la maggiore cifra tecnica.

Unico brivido azzurro al 68′ col missile di Hjohlman dall’interno dell’area respinto da Lemey, inoperosa per tutta la gara ma provvidenziale nell’unica occasione avversaria. A questo punto il Napoli resta penultimo a 4 punti, a +1 dal Bari ultimo ma soprattutto perde un’opportunità per accorciare la classifica con San Marino Academy. La lotta salvezza resta aperta, ma la squadra napoletana è chiamata a fare unti nelle prossime partite. Anche se non sarà facile contro l’Inter il 7 marzo (nerazzurre vittoriose contro il Verona col ritorno alla rete di Ilaria Mauro) e il 21 marzo contro la Florentia (che ha vinto il primo storico derby contro la Fiorentina).

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: