Al Campo Ale&Ricky di Vinovo le bianconere sconfiggono la Roma grazie alla doppietta di Cristiana Girelli ed i gol di Linda Sembrant e Lina Hurtig, per le giallorosse invece la marcatura nel primo tempo di Annamaria Serturini. La Juventus ottiene la decima vittoria consecutiva in campionato in dieci gare disputate e si laurea campionessa d’inverno con un turno d’anticipo mentre la Roma si allontana sempre più dal vertice della classifica e la prestazione odierna deve far riflettere parecchio coach Bavagnoli.

Juventus Women 7,5

Le bianconere erano reduci dall’importante prestazione infrasettimanale contro il Lione, che ha richiesto un notevole dispendio psicofisico, ed era quindi lecito aspettarsi qualche difficoltà ma invece non vi è stata alcuna flessione nel rendimento odierno, denotando grande maturità e consapevolezza nei propri mezzi. Le ragazze di Guarino hanno patito soltanto l’atletismo di Serturini nel primo tempo, complice una Lundorf che palesa dei limiti difensivi preoccupanti, e si sono prese un grosso spavento all’88’, a cui Boattin e Salvai hanno però posto rimedio. La Juventus continua ad inanellare prestazioni convincenti e, nel frattempo, Guarino sta anche sperimentando il 4-2-3-1 in fase di possesso palla, sebbene ufficialmente rimanga fedele al 4-3-3. Se si vuole cercare il pelo nell’uovo certi cali di tensione avvenuti oggi nel corso della partita sarebbe auspicabile evitarli…

Juventus: Giuliani 6; Lundorf 5,5; Salvai 7; Sembrant 7,5; Boattin 6; Caruso 7; Galli 6,5 (Zamanian 6,5); Rosucci 7 (Cernoia 6); Maria Alves 6,5 (Berti SV); Girelli 7,5 (Stašková 6); Bonansea 6,5 (Hurtig 6,5)

All. Guarino 7,5

Top3 Juventus Women

Girelli 7,5

Nel primo tempo spadroneggia su tutto il fronte offensivo, non sbagliando praticamente un passaggio ed infilando la porta avversaria in due delle tre conclusioni tentate. Abbina capacità realizzative impressionanti ad una capacità di sacrificio per le compagne lodevole. Semplicemente un attaccante completo in ogni fase di gioco. Prende mezzo voto in meno solamente perché nel secondo tempo ha calato leggermente l’intensità, ma sono quisquilie. Mattatrice.

Sembrant 7,5

La Juventus ha una certezza in difesa, tecnicamente e fisicamente parlando. La svedese non sbaglia un colpo, ed oggi si è riscattata ampiamente della prestazione sottotono offerta contro il Napoli, mostrando un grande senso della posizione e qualità nei lanci lunghi. In coppia con Cecilia Salvai forma un duo semplicemente perfetto.

Caruso 7

La centrocampista ostiense non stupisce più nessuno: oggi non trova la via del gol ma regala due assist a Girelli, risultando quindi comunque decisiva. Per il resto la sua capacità di svariare in qualunque posizione del centrocampo, abbinando quantità e qualità, è solo da elogiare.

Roma Women 5,5

Bavagnoli oggi deve riflettere parecchio sulla prestazione delle proprie ragazze. La scelta di mettere Serturini a sfidare apertamente Lundorf è stata azzeccata ma per il resto non ha funzionato praticamente nulla. Il centrocampo è parso veramente in difficoltà, soprattutto nella costruzione del gioco, e sulle fasce la Juventus ha fatto letteralmente il bello ed il cattivo tempo. Bisogna ripartire dalla reazione avuta nel secondo tempo ma il gap con le migliori della classe è aumentato enormemente (la Roma, nella scorsa stagione, dopo dieci giornate di campionato aveva ottenuto 21 punti, in questa stagione invece 13). La Roma, visto l’organico di cui dispone, può e deve fare meglio: il girone di ritorno darà sicuramente risposte in tal senso.

Roma: Ceasar 7; Soffia 4,5 (Erzen 5); Swaby 6,5; Pettenuzzo 7; Bartoli 5,5; Andressa 5,5 (Thomas 5,5); Giugliano 5; Ciccotti 5; Bonfantini 4,5 (Corelli SV); Lázaro 5; Serturini 6,5

All. Bavagnoli 5

Top3 Roma Women

Ceasar 7

Può sembrare quasi una provocazione affermare che la migliore giocatrice della Roma, in una partita terminata con quattro gol al passivo, sia stato il portiere ma chi ha visto la partita sa perfettamente che non è così. Le parate su Sembrant e Girelli nel primo tempo ed Hurtig nel secondo sono di categoria superiore, e sui gol subiti non ha, di fatto, nessuna responsabilità. Capire perché in estate la Roma abbia acquisito Baldi, quando dispone di uno dei portieri più forti della Serie A e di una riserva di comprovata esperienza come Pipitone, resta un mistero. In ogni caso Ceasar, quando chiamata in causa, non sbaglia un colpo, e le sue lacrime a fine partita, perplessa con le ex compagne Rosucci, Girelli e Bonansea, sono tra le immagini più significative che ci regala questa partita. Commovente.

Pettenuzzo 7

Il giovane difensore, mentre la sua squadra barcolla, tiene la barra dritta, giocando con personalità, testa all’insù come i grandi interpreti del ruolo, chiudendo gli spazi e spingendosi ben oltre la metà campo alla ricerca disperata di compagne da servire opportunamente. Le sue prestazioni sono sempre di ottimo livello ed il futuro è tutto dalla sua parte.

Serturini 6,5

In attacco oggi è l’unica a farsi notare in positivo, sfruttando perfettamente lo spazio concessole da Lundorf e riuscendo anche a siglare un gol davvero pregevole. Nel secondo tempo non replica le gesta della prima frazione di gioco ma il suo atletismo è stato molto utile alla squadra.

Di Davide Torretta

Redattore presso Cartellino Rosa

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: