Appuntamento serale con il big match della 22^ giornata del campionato di Promozione Femminile della Lombardia, nello specifico nel Girone A.

In campo scendono CUS Bicocca e Vighignolo, rispettivamente al secondo ed al terzo posto, separate da solo 2 punti in classifica.

Primo tempo

Padrone di casa serrate in difesa, a conferma delle statistiche, per sbarrare la strada alle offensive delle ospiti.

Il Vighi propone un calcio più propositivo all’attacco, non riuscendo però a concretizzarlo quanto vorrebbe.

Primo squillo la traversa colpita da Susanna Sguinzi, con una conclusione defilata.

Successivamente, sempre la numero 11, colpisce di prima intenzione verso la porta, ma l’estremo difensore avversario, con una grande risposta, le nega la gioia del goal.

Il Vighignolo non si arrende e con una grande giocata di Katia Di Marco ci prova ancora, ma l’esultanza dei tifosi si strozza in gola per colpa della traversa.

Secondo tempo

Nella ripresa crescono i ritmi, con le due formazioni che aumentano gli spazi e le possibilità di imbucata.

Alla fine, il tanto desiderato vantaggio, arriva per le ragazze in esterna: dagli sviluppi di una palla inattiva, il pallone arriva a Clara Sguinzi, la quale colpisce di destro di prima intenzione, gelando la curva di casa, insaccando nell’angolino basso a sinistra.

La gara prosegue e il raddoppio è possibile, ma l’occasione viene sprecata da Susanna Sguinzi, che non riesce a replicare la gemella, calciando, a tu per tu, in bocca al portiere.

Il rammarico è doppio, quando con il primo tiro nello specchio del Bicocca, la capitana Elena D’Apollo fa esplodere il centro sportivo Mauro, portando un tifoso ad una corsa in rettilineo sotto la tribuna alla “Carletto Mazzone”

Il Vighignolo non ci sta, provando più volte a riportarsi avanti, ma i vari tentativi non portano il risultato sperato.

Al triplice fischio è 1 a 1, con il CUS che mantiene saldo il secondo posto, evitando il sorpasso della squadra di Mister Colombo.

Zona CUS Bicocca

Serviva mantenere il piazzamento e la squadra ci è riuscita, non con poche difficoltà, schierando un numeroso reparto di difesa, per ereggere una muraglia di fronte alla porta.

Il classico catenaccio all’italiana si rivela la strategia migliore, con una buona dose di fortuna, cercando poi di ripartire in contropiede, cadendo però spesso e volentieri nella trappola del fuorigioco.

Il cinismo servito a pareggiare la gara ha aiutato, ma serve crescere nella costruzione offensiva, per rendersi maggiormente pericolosi in avanti, oltre a barricarsi dietro.

Zona Vighignolo

Un’occasione sprecata per le ospiti, colpite dalla sfortuna nel primo tempo e dalla dura legge del gol, fallendo così il sorpasso in classifica e la conquista del secondo gradino del podio.

La squadra schiera una mentalità offensiva, la quale da i suoi risultati creando varie occasioni pericolose, portando a due traverse interne colpite, ma dall’altra parte manca a volte coraggio nel provare la giocata o nell’andare al tiro.

Ma l’argento non è ancora perso e la qualificazione ai play-off deve rimanere il principale obiettivo. Ancora 6 giornate da disputare per mantenere il proprio ruolo nel Girone.

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: