Betty Bavagnoli si affida al consueto 4-2-3-1 con Linari e Swaby centrali, Soffia ed Erzen sulle corsie esterne e a centrocampo la coppia Ciccotti (fresca di rinnovo fino al 2023) e Bernauer (che il 23 marzo ha compiuto 33 anni). Sulla trequarti Giugliano Serturini e Thomas dietro Banusic (reduce dalla spettacolare rovesciata contro l’Inter). Parte invece dalla panchina Andressa, mentre è out Paloma Lazaro.

Le giallorosse amministrano il possesso palla col quartetto offensivo alla ricerca del fraseggio e della verticalizzazione. Primo brivido all’8′ con l’imbucata di Thomas per Banusic ma la numero 9 calcia su Ciccioli, al 21′ arriva il vantaggio giallorosso col tap-in di Serturini (MVP del match) dal cuore dell’area dopo una pregevole azione personale di Thomas sulla destra. Passano 4 minuti e proprio la numero 19 cerca gloria personale con un mancino da dentro l’area, ma la sfera si perde a lato non di molto.

San Marino prova a colpire con la rapidità provando a sfruttare soprattutto le corsie laterali ma Baldini e Menin non riescono mai a trovare impreparate Linari e Swaby. Ogni volta la Roma riconquista palla verticalizza per la fantasia di Manuela Giugliano, la 10 giallorossa spesso tenta la conclusione difettando però in precisione. Anche nel finale di tempo sono sempre le ragazze di Bavagnoli a cercare il gol, come al 41′ quando sugli sviluppi di un corner la sfera arriva nei pressi di Banusic che di testa impegna seriamente Ciccioli. Passano 2 minuti e Giugliano serve Thomas con lo scavetto ma l’attaccante non trova lo specchio della porta chiudendo i primi 45 minuti.

Nella ripresa è sempre la squadra capitolina ad amministrare la sfera alla ricerca del raddoppio, ci prova anche Erzen con un siluro da fuori mancando il bersaglio. Al 68′ Serturini sfonda sulla sinistra e crossa in mezzo per Giulgiano, ma la 10 di testa si divora il raddoppio trovando la pronta risposta di Ciccioli. Col passare dei minuti Bavagnoli nota un calo di ritmo e inserisce Andressa e Bonfantini per Giugliano e Banusic per ridare sprint alla manovra giallorossa. All’83’ ennesima sgroppata di Serturini che entra in area e calcia ma Ciccioli si supera con un volo plastico, in pieno recupero arriva il raddoppio di Agnese Bonfantini che servita da Severini mette il turno e in contropiede non perdona per il definitivo 2-0.

Con questi 3 punti la Roma può preparare al meglio la prossima sfida contro la Fiorentina al Bozzi di Firenze, le giallorosse conservano il vantaggio di 5 lunghezze sulle viola e proveranno a consolidare il quarto posto. Inarrivabile il Sassuolo (+9) ma soprattutto la coppia Juve-Milan.

Conte schiera un 4-4-1-1 per provare a contenere le sfuriate offensive delle romaniste, ma soprattutto per provare a colpire con la velocità di Menin e Baldini sulle corsie esterne. L’assenza di Muya pesa nell’economia della sfida, anche perché la velocità dell’inglese avrebbe dato un’arma in più alle Titane.

Per tutto il match le ragazze di Conte non sono riuscite a creare grattacapi a Ceasar, se non al 38′ col destro di Menin bloccato dall’estremo difensore capitolino. Per il resto le giocate in velocità e nello stretto della giallorosse hanno creato molti problemi alla retroguardia ospite chiudendo i primi 45 minuti in svantaggio in virtù della rete di Serturini. Nella ripresa fa il suo ingresso in campo Raffaella Barbieri (7 reti in campionato) per provare a scuotere la squadra alla ricerca del pareggio. La reazione delle Titane non arriva, anzi la Roma sfiora a più riprese il raddoppio trovandolo nel recupero con la neo entrata Bonfantini. A 5 giornate dalla fine la corsa salvezza entra nel vivo con San Marino e Napoli a giocarsi l’ultimo posto per la permanenza in Serie A, visto che per il Bari sembra impossibile rientrare nella corsa salvezza.

@ASRomaFemminile

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: