La Fiorentina cade anche a Bogliasco contro la Sampdoria degli ex Cincotta e Martinovic. Continua il 2022 Nero per le toscane: 7 gare tra Serie A e Coppa Italia con 0 vittorie, 4 pareggi (2 di questi nel derby dell’Arno contro l’Empoli in coppa) e 3 sconfitte. La vittoria manca dal 19 dicembre 2021 in Coppa Italia contro la Lazio. Mentre in campionato addirittura dal 4 dicembre 2021 nel 3-1 interno contro il Pomigliano.

Nella sfida contro l’ex Cincotta le viola hanno disputato una gara da dottor Jekyll e mister Hyde. I primi 45′ senza spunti, se non l’incredibile gol divorato da Mascarello da 0 metri, mentre nella ripresa le occasioni sono state molteplici. Tra pali, traverse e una Tampieri in giornata di grazia la palla non è mai entrata.

La giornata negativa per le fiorentine viene evidenziata dal dato sui tiri totali e in porta. Le toscane sono andate alla conclusione per ben 23 volte (contro le appena 5 delle blucerchiate), mentre hanno centrato lo specchio solo 4. Praticamente un tiro indirizzato nello specchio quasi ogni 6 tentativi, un numero che evidenzia l’eccessiva imprecisione delle ragazze di Panico.

Tra le poche a “salvarsi” Margherita Monnecchi, migliore in campo per le viola. La numero 17 ha spesso puntato e superato la diretta marcatrice sulla destra fornendo anche uno strepitoso assist nel primo tempo sul piede di Mascarello. La numero 12 però completamente sola nell’area piccola ha calciato sopra la traversa. Nella seconda frazione (col cambio modulo dal 4-3-3 al 3-4-3) Monnecchi è stata dirottata sulla sinistra dove ha continuato a creare superiorità numerica.

Per il resto Giacinti e Huchet hanno provato a riaprire le sorti dell’incontro ma senza successo. L’ex Milan ha sfiorato il gol dopo uno scambio con Sabatino al limite, ma poi ha anche colpito una traversa dopo una sponda al limite dell’area piccola di Lundin. L’ex Napoli invece, dopo aver sofferto le blucerchiate nei primi 45′, è venuta fuori alla distanza. Un suo tiro dal limite ha chiamato al super intervento in tuffo Tampieri. Mentre in seguito calciando a botta sicura dal cuore dell’area è stata fermata dal piede di Fallico.

Per il resto sorge spontanea una riflessione sull’operato di Patrizia Panico e sulla gestione della stagione viola. 15 giornate con solo 4 vittorie è un dato decisamente allarmante, con ben 31 gol subiti (meglio solo di Lazio e Verona 46 e Pomigliano 32). Tutto questo cozza incredibilmente invece col la splendida stagione di Daniela Sabatino (10 reti in Serie A). Inoltre dopo gli acquisti a gennaio di Boquete e Giacinti la classifica delle viola invece di migliorare (come era lecito aspettarsi) è addirittura peggiorata.

Nel prossimo turno la Fiorentina se la vedrà contro il Verona al Bozzi di Firenze e, a questo punto, i 3 punti dovranno essere obbligatori se non si vuole rischiare di trasformare una stagione da molto negativa in un vero e proprio incubo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: