Domenica al Vismara va in scena una classica del nostro campionato. Le Rossonere di Ganz sfideranno le Azzurre di Ulderici. Le squadre torneranno a giocare con le formazioni titolari dopo gli stop ed i riposi della scorsa giornata per le ragazze convocate nelle rispettive nazionali. Nonostante le assenze, entrambe le squadre hanno disputato ottime prestazioni: il Milan vincendo contro le Viola resta agganciato al gruppo di testa sperando in un passo falso del sassuolo, grazie a una grande prestazione corale; l’Empoli vince la sfida salvezza contro la Lazio, giocando forse la miglior prestazione fin’ora. Alla luce di questi risultati i mr torneranno a riproporre le titolari o sperimenteranno ancora scelte diverse, dando fiducia a chi l’ha meritata la scorsa settimana?

Qui Milan

Torna Giacinti davanti supportata da Vero Boquete, Ganz dovrà ottenere il massimo da questa e dalla prossima sfida contro il Pomigliano per rimanere in scia al lanciatissimo Sassuolo di mr Piovani. 4-3-3 classico confermato quindi, con Thomas e Grimshaw nel tridente con Giacinti. Bergamaschi sulla fascia sembra essere in gran forma. Unico rimpianto di questa squadra sono le vittorie spesso di misura, e un gioco non molto brillante, cose che non stanno entusiasmando certo la tifoseria e fanno preoccupare fino al fischio finale.

Qui Empoli

Le Azzurre vengono da due vittorie consecutive, con il morale della squadra alto e con un gioco che sembra essersi finalmente consolidato. Il Milan è una delle top da affrontare, ma proprio per questo le ragazze di Mr Ulderici possono giocare a viso aperto senza timore di perdere nulla. Aspettiamoci quindi una partita arrembante delle toscane alla ricerca del pressing alto, soprattutto nella ripresa, proveranno a mettere in difficoltà le padrone di casa in uscita di palla. Inducendo l’avversaria all’errore la rapidità di Dompig e Bragonzi possono essere l’arma vincente. Mella, De Rita e Oliviero sono in gran forma: la prima vicinissima alla rete nella scorsa partita, la seconda è un’autentica spina nel fianco per la fascia avversaria e Oliviero scalda i motori per replicare la stupenda ultima prestazione condita dal gol.

di Riccardo Dotti

Rispondi