Pistolesi affronta il suo passato (per lui 5 anni sulla panchina empolese conquistando la prima storica promozione del club in Serie A) e si affida al 4-3-3 con Cafferata Nocchi e Hjohlman in attacco, mentre Goldoni Huchet ed Errico completano il reparto di centrocampo. In difesa invece Cameron e Oliviero sulle corsie laterali e Yen Huynh e Arnadottir centrali davanti a Tasselli. L’avvio però è di marca empolese con due schiaffi in 12′ firmati da Pruna e Glionna. Le ragazze di Pistolesi però non si perdono d’animo e iniziano a macinare gioco accorciando le distanze al 30′ con Cafferata che lascia partire una conclusione velenosa che beffa Capelletti. Sempre la 7 azzurra protagonista con una bella azione personale al 35′ che la porta in area si procura un calcio di rigore: Dagli undici metri Sarah Huchet (MVP del match) incrocia col destro alla perfezione con Capelletti che intuisce la traiettoria ma non riesce a respingere la sfera per il 2-2 che chiude i primi 45 minuti.

Nella ripresa al 48′ Cameron in area controlla la sfera e calcia di potenza mancando lo specchio di pochissimo. Al 54′ ancora Cameron pericolosa vede e serve Errico al limite che non ci pensa due volte e calcia, ma Giatras si oppone col corpo. Le napoletane continuano a premere e al 69′ Nocchi riceve palla e serve Huchet che scarica un sinistro potentissimo che termina la sua corsa sotto l’incrocio per il sorpasso campano. Nel finale però il forcing toscano porta al pareggio di Norma Cinotti per il definitivo e pirotecnico 3-3 allo Stadio Caduti di Brema.

Con questo pareggio le azzurre agganciano San Marino Academy a quota 9 punti ma salgono al decimo posto che vuol dire salvezza. La cura Pistolesi sta portando i frutti sperati: 5 punti nelle ultime 3 gare (pareggi contro Inter ed Empoli e vittoria sulla Florentia). Nelle prossime gare ci si gioca tutto:

-18 aprile contro il Milan in trasferta ;

-2 maggio scontro diretto in casa con San Marino Academy;

-9 maggio contro la Juventus in trasferta;

-16 maggio con il Verona in trasferta;

-23 maggio contro la Roma in casa.

Mentre San Marino affronterà:

-18 aprile in casa il Verona;

-2 maggio in trasferta lo scontro diretto col Napoli;

-9 maggio contro l’Inter in casa;

-16 maggio in trasferta il Bari;

-23 maggio contro la Fiorentina in casa.

Spugna deve ancora fare a meno di Polli e De Rita e schiera in attacco Prugna con Dompig e Glionna, mentre a centrocampo giocano Caloia Bellucci e Cinotti. In difesa Di Guglielmo torna a destra mentre Acuti si sposta a sinistra (rispetto la sfida contro il Milan) e Knol e Giatras centrali davanti a Capelletti. Avvio dei sogni per le toscane col vantaggio di Cecilia Prugna dopo appena 4′: La 7 empolese controlla nel cuore dell’area e senza farsi pregare calcia sotto l’incrocio per l’1-0 toscano. Passano 5 minuti e arriva il raddoppio con Benedetta Glionna: Schema su punizione di Prugna che serve rasoterra la 18 empolese che dai 25 metri lascia partire una sassata che trafigge l’incolpevole Tasselli. Il Napoli sembra aver accusato il colpo ma alla mezz’ora Cafferata riporta in gara le proprie compagne, le toscane non riescono a reagire e nel finale di tempo Huchet trasforma un penalty procurato da Cafferata chiudendo i primi 45 minuti sul 2-2.

La ripresa inizia come era finito il primo tempo, ossia col Napoli in attacco. Al 69′ Huchet sigla la personale doppietta portando per la prima volta durante l’incontro il Napoli in vantaggio. Al 76′ la neo entrata Iannazzo ci prova dall’interno dell’area ma Tasselli sventa la minaccia, continua il forcing ospite e all’84’ arriva il 3-3 firmato da Norma Cinotti abile a sfruttare un errore della difesa partenopea per il definitivo pareggio.

Occasione persa da parte delle ragazze di Spugna di agganciare la Fiorentina portandosi a -5 dalla Roma, anche perché nella prossima giornata si sfideranno proprio viola e giallorosse. Empoli pimpante con grande qualità di palleggio nelle prime battute, ma poi la squadra ha subito la reazione impetuosa delle partenopee che erano riuscite pure a ribaltare l’incontro. Nel finale Cinotti ha evitato una sconfitta che sarebbe stata immeritata.

@NapoliFemminile

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: