La Juventus s’impone in trasferta con un netto 0-5 ai danni del Pomigliano ed ottiene così la dodicesima vittoria in campionato su altrettante partite disputate. Le bianconere, in rete con l’autogol di Cetinja e le marcature di Hurtig, Cernoia, Bonansea e Gama, non sono brillanti, ma efficaci quanto basta, mentre le padrone di casa sbandano paurosamente in difesa e non riescono mai davvero a rendersi pericolose in zona offensiva.

Pomigliano 5,5

La squadra si fa schiacciare nel primo tempo dalla pressione avversaria e nel secondo prova a reagire, ma senza successo.

L’allenatore 

Panico 5

Il suo piano partita non si è capito: proposta di gioco pressoché assente, il risultato finale è una logica conseguenza.

Le calciatrici

Cetinja 6

Para due rigori, ma commette diversi errori che condizionano la sua squadra.

Capparelli 5,5

Non riesce mai ad arginare efficacemente la catena di sinistra bianconera.

Ejangue 5

Si fa saltare costantemente dalle attaccanti bianconere.

Cox 5

Imprecisa dal primo all’ultimo minuto della partita.

Fusini 5

Nei minuti in cui è rimasta in campo non ha dato il giusto apporto.

Tudisco 6

S’impegna al massimo per connettere difesa ed attacco.

Catarina 5

Impalpabile, deve ancora entrare nei meccanismi della squadra.

Mastrantonio 5,5

Prova a fare interdizione, ma ci riesce sporadicamente.

Vaitukaitytė 6,5

Mostra grande dinamismo ed ottima lettura del gioco.

Ferrario 4,5

Rimane in campo per 89′, ma non si nota mai la sua presenza.

Banušić 5,5

S’impegna, ma sciupa troppi palloni preziosi in attacco.

Ippólito 6,5

Il faro del gioco pomiglianese, l’unica che alza davvero la qualità e prova ad opporsi con grinta al dominio bianconero.

Salvatori Rinaldi 5,5

Subentra nel secondo tempo a Catarina, ma non ingrana.

Puglisi 5,5

Sostituisce Mastrantonio al 72′, però non porta ad un miglioramento.

Apicella 4

Entra al 72′ e si fa espellere al 74′: il provvedimento disciplinare nei suoi confronti pare severo, ma doveva e poteva evitare un intervento simile…

Varriale SV

Juventus 6

Le bianconere portano a casa la vittoria senza spettacolo, commettendo tante imprecisoni, ma con grandissima concretezza.

L’allenatore 

Montemurro 6,5

Organizza la partita nel migliore dei modi e vince su un campo difficile con una facilità e supremazia quasi disarmanti.

Le calciatrici

Peyraud-Magnin 6

Praticamente inoperosa, fa ciò che deve quando richiesto.

Hyyrynen 6

Esegue bene le sue mansioni, ma non brilla come dovrebbe.

Gama 6,5

Non sbaglia sostanzialmente nulla e trova un gol meritato nel finale.

Lenzini 6

Gioca bene, però un po’ sottotono rispetto ai suoi standard.

Boattin 6,5

Sulla sinistra dà manforte alla manovra offensiva, soprattutto nel primo tempo.

Caruso 6

Conferisce grande intensità, ma non riesce mai ad entrare nel vivo del gioco.

Rosucci 6,5

Manca di cattiveria sul calcio di rigore, ma poi si riprende alla grande con maturità.

Cernoia 7

Dopo l’infortunio occorsole a Wolfsburg sta finalmente tornando ai suoi livelli, mostrando bene la sua qualità sopraffina.

Bonansea 6,5

Sbaglia molto negli ultimi venti metri di campo, ma con l’andare del tempo aggiusta la mira.

Stašková 6

Tanto lavoro sporco in favore delle compagne, ma in zona gol si vede poco.

Hurtig 6,5

Crea diverse buone iniziative offensive, però le concretizza col contagocce.

Nildén 6

Subentra a Boattin nel secondo tempo e si mette bene in mostra.

Lundorf 6

Sostituisce Hyyrynen nella ripresa e prosegue l’opera della compagna.

Grosso 6

Esordisce in bianconero, facendo rifiatare Cernoia, senza regalare sussulti.

Zamanian 6

Non trasforma il rigore, però reagisce dispensando comunque buone giocate.

Bonfantini SV

Di Davide Torretta

Redattore presso Cartellino Rosa

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: