La Fiorentina esce con le ossa rotte dalla sfida interna del Bozzi contro il Sassuolo. Le ragazze di Patrizia Panico partono benissimo con l’incornata vincente da bomber Sabatino sul perfetto assist della neo arrivata Vero Boquete, ma poi le viola incomprensibilmente staccano la spina.

Proprio la numero 9 e la numero 87 sono state tra le più positive, in aggiunga Marta Mascarello tornata a pieno regime nella mediana viola. Sabatino ha cercato anche la doppietta con un tiro dalla lunga distanza nel finale di primo tempo ma senza successo. Boquete invece ha mostrato il suo alto tasso tecnico nella gestione della sfera, anche se col passare dei minuti è sembrato che giocasse da sola e non col resto delle compagne.

Buono l’impatto di Valentina Giacinti, entrata in avvio di ripresa per una spenta Lundin. La numero 19 ha sfiorato il gol al 76′ con un siluro mancino disinnescato dall’ottima Lemey. Per il resto, come normale che sia, risulta (come Boquete) estranea ai movimenti della squadra. Ma il lavoro in settimana aiuterà l’ex capitana del Milan a entrare in sintonia con le nuove compagne di avventura.

Guardando i numeri del match si evincono i due motivi principali per la Fiorentina ha perso il confronto col Sassuolo:

1- Possesso palla sterile. Le viola col 59% di possesso palla hanno prodotto una manovra quasi prevalentemente orizzontale e priva di sbocchi offensivi. Inoltre su 436 passaggi effettuati quelli riusciti sono stati 305 (70%), mostrando eccessiva difficoltà nel verticalizzare il gioco verso le punte.

2-Scarsa precisione al tiro. Le toscane sono andata 8 volte al tiro, centrando lo specchio nella metà dei tentativi. Oltre alla rete di Sabatino, sono state effettivamente pericolose solo le due neo arrivate dal Milan Giacinti e Boquete. La prima col mancino da posizione defilata, mentre la seconda a giro col destro dal cuore dell’area ha colpito debolmente trovando Lemey ben piazzata.

Nel prossimo turno le viola se la vedranno con schiacciasassi Juventus. Le viola nei 12 precedenti hanno vinto due volte, una in Serie A al Bozzi il 21 aprile 2018 e la seconda in Supercoppa Italiana il 13 ottobre 2018. Mentre negli altri 10 confronti la sfida ha sorriso sempre alle bianconere, servirà una prova perfetta per mettere in difficoltà la capolista.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: