Serata pirotecnica al centro sportivo “Mario Rigamonti” di Brescia, teatro del derby lombardo, nonché big match infrasettimanale (recupero della 3a di ritorno), tra le padrone di casa ed il Como di De la Fuente. Partita combattutissima tra due formazioni che si sono affrontate a viso aperto, con un finale di partita vivamente sconsigliato ai deboli di cuore.

Primo tempo

Prima frazione di gara all’insegna dell’equilibrio, con la prima occasione che giunge al 4’: splendida punizione calciata da Cristina Merli, ma Bettineschi vola sotto l’incrocio e salva il risultato.  Al 13’ Lonni esce su Picchi e sventa la minaccia sul fronte opposto, mentre al 21’ è ancora il Brescia da calcio d’angolo a rendersi pericoloso, ma il colpo di testa di Brayda è debole e si spegne tra le braccia del portiere avversario.

La pressione del Como cresce gradualmente, con due occasioni che si registrano tra il 24’, con Di Luzio, ed il 29’, con Lonni che respinge un insidioso tiro-cross, ma proprio nel miglior momento delle ragazze di De la Fuente il Brescia passa: minuto 33, Luana Merli serve Brayda, che disegna un preciso pallonetto che scavalca Bettineschi e va ad infilarsi sotto l’incrocio per l’1-0.

Secondo tempo

Ripresa che si apre con il Como all’attacco: prima Kubassova spreca una buona occasione sottoporta (46’), poi Pastrenge non inquadra il bersaglio di poco (49’). Le padrone di casa rispondo al 52’, con un contropiede che però  Luana Merli non riesce a finalizzare a tu per tu con Bettineschi.

Portiere del Como ancora protagonista al 65’, quando si supera nuovamente alzando sopra la traversa un’insidiosissima punizione di Luana Merli. Azioni da goal che si registrano quindi su entrambi i fronti, con De la Fuente che aumenta la trazione anteriore del proprio undici con ben 4 cambi, e  al minuto 88 viene premiato: punizione dalla destra di Carravetta,  colpo di testa Hilaj ed il Como trova il meritato pareggio.

Ma non è finita qui: inizia il recupero e al 92’ Di Luzio sfrutta un cross dal versante sinistro e colpisce il palo. Lacustri che si mangiano le mani, seppur ignare di quello che sta per accadere 1’ più tardi: Asta lancia Porcarelli, Bettineschi esce sul pallone, ma l’attaccante comasca la supera col pallonetto che vale il 2-1.

Il colpo del ko è servito ed il “Rigamonti” esplode letteralmente. Arriva così il triplice fischio finale: Como beffato, ed il Brescia che incassa tre punti che significano sorpasso in vetta alla classifica.   

BRESCIA CF – COMO WOMEN   2-1

MARCATRICI: 33’ Brayda (B), 89’ Hilaj (CW), 93’ Porcarelli.

BRESCIA CF (4-3-3): Lonni; Galbiati, Barcella, Perin, Viscardi; Ghisi (60’ Bianchi), Magri (69’ Asta), C. Merli; Brayda (69’ Farina), L. Merli (78’ Porcarelli), Hjohlman.

A disp.: Ballabio, Maroni, Pasquali, Tengattini.

All.: E. Garavaglia.

COMO WOMEN (4-3-1-2): Bettineschi; Hilaj, Rizzon (62’ Carravetta), Lipman, Vergani; Picchi, Pastrenge (80’ Roventi), Beil (62’ Cecotti); Kubassova (91’ Bianchi); Carp (46’ Rigaglia), Di Luzio.

A disp.: Small, Salvi, Grassi.

All.: S. De la Fuente.

ARBITRO: Bonomo (Collegno).

COLLABORATORI: Storgato (Castelfranco Veneto), Salviato (Castelfranco Veneto).  

NOTE: ammonite Vergani (CW), Viscardi (B), C. Merli (B), Barcella (B); recupero 0 pt e 4’ st.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: