Sono tre punti pesantissimi quelli che il Brescia porta via dal Centro Sportivo “Tombolo”, casa del Cittadella: la zampata di capitan Brayda al minuto 89 decide una sfida combattutissima e molto sofferta per le Leonesse, che hanno avuto il gran merito di non abbattersi di fronte all’aggressività delle avversarie e di non smettere mai di credere alla possibilità di vittoria.

LA GARA

Mister Garavaglia schiera il Brescia con il 4-3-3: in porta Lonni; difesa con Viscardi, Perin, Barcella e Galbiati; centrocampo con Ghisi, Magri e Cristina Merli; attacco formato da Hjohlman, Pasquali e Luana Merli. Arbitra Kovacevic di Arco Riva.

Fin dai primi minuti si capisce quale sarà il canovaccio della partita: Cittadella con grandissima aggressività a tutto campo e Brescia che cerca di saltare le linee di pressione per lanciare la velocità delle sue punte. Ne vien fuori una partita che almeno nella prima parte regala poche emozioni: al 4′ il primo squillo è del Cittadella con la punizione di Corazzi, pallone alto. Al minuto 11 arriva la risposta del Brescia con la conclusione di Cristina Merli dalla distanza, con Toniolo che blocca in due tempi. Al 18′ occasione Brescia sugli sviluppi di un corner: sul secondo palo Galbiati arriva in corsa ma non trova il pallone. Al 26′ ci prova Peruzzo da fuori, ma il pallone è lontano dalla porta. Al 38′ Cittadella vicino al gol ancora da palla inattiva con la potente conclusione di Peruzzo che sibila a fil di palo.

Nella ripresa il Brescia al 3′ è subito pericoloso, anche se con un alleato inaspettato, il vento: la punizione da centrocampo battuta da Perin dopo il rimbalzo rischia di beffare Toniolo, che però fa un passo indietro e alza in corner. Al 19′ Cittadella pericoloso in contropiede con Begal che va alla conclusione dal vertice sinistro dell’area, para a terra Lonni. Al 24′ Lonni è strepitosa sulla punizione di Saggion: l’estremo difensore delle Leonesse vola alla sua destra e devia in corner la conclusione. Al 36′ occasione Brescia con Cristina Merli che arriva col passo lungo su una spizzata di testa di Brayda: tiro a lato da ottima posizione. Pochi istanti dopo ancora Cristina Merli protagonista con una conclusione dal limite, ma il pallone è a lato. Al 44′ il gol che decide la partita: discesa di Hjohlman sulla destra, cross basso in mezzo e Brayda è pronta e precisa ad infilare Toniolo sul primo palo facendo impazzire squadra e panchina. L’ultimo brivido al 50′ con Zorzan che arriva davanti a Lonni ma l’uscita del portiere delle Leonesse è perfetta e respinge.
Finisce così, con tre punti importantissimi e pesantissimi, che aprono una settimana campale per il Brescia: mercoledì sera alle 20.30 al Centro Sportivo Rigamonti arriva il Como per il recupero della 16a giornata, poi domenica sempre in casa contro il Chievo.

LE INTERVISTE

«Sono molto contento per la prestazione – l’analisi di mister Elio Garavaglia – anche perché non si può pensare tutte le volte di andare a giocare come si vuole contro squadre di questo livello, che fanno dell’agonismo la loro arma migliore. Sono contento di come le ragazze hanno interpretato la gara, sapevamo che sarebbe stata così e non a caso alla fine siamo riusciti a portarla a casa». Nonostante tanta lotta e tanta sofferenza, Garavaglia con i cambi ha lanciato diversi messaggi alla squadra, soprattutto quello di credere fino alla fine alla vittoria: «Sì, ho fatto delle scelte che in quel momento mi sembravano le migliori. Le ragazze hanno interpretato benissimo l’assetto che ne è risultato, hanno lottato alla grande. E per Farina sono molto felice, perché ha sofferto tanto per il suo infortunio e dopo tanti mesi di lavoro oggi posso dire che è pienamente recuperata perché ha fatto diversi contrasti pesanti oggi e sicuramente il suo ritorno può essere considerato a tutti gli effetti un acquisto del mercato invernale». Tre punti conquistati così danno sicuramente tanta carica in vista di una settimana impegnativa: «Rischio di ripetermi, però tutte le partite sono difficili e vanno giocate. Da domani penseremo al Como e martedì prepareremo la partita, va anche considerato che oggi è stata la seconda partita che giochiamo dal 12 dicembre, e la precedente è di venti giorni fa, quindi non era neanche facile avere la concentrazione e la mentalità giuste contro una squadra come il Cittadella che era più rodata di noi. Questo gruppo mi sorprende sempre di più in positivo, composto da ragazze alle quali faccio i miei più sinceri complimenti perché si impegnano al massimo».

Protagonista della vittoria di Cittadella il portiere delle Leonesse Lia Lonni: «Sì è stata una partita dura come quella d’andata, il Cittadella è una squadra ostica che non molla mai. E anche dopo il nostro gol non si sono abbattute e hanno provato a tornare, quindi è una vittoria che secondo me vale doppio». Tre punti pesanti che tengono il Brescia al secondo posto in scia del Como capolista: «Una partita alla volta, adesso inizia una settimana intensa però noi lavoriamo, non molliamo e abbiamo un obiettivo in testa da perseguire». Che voto ti dai? «Sei per la presenza – ride -. Troppo umile? Do dieci alla squadra».

Entrata da poco più di un quarto d’ora, il suo gol è stato decisivo: Veronique Brayda racconta le sensazioni subito dopo aver visto il pallone insaccarsi. «Una gioia indescrivibile perché volevo segnare ma l’importante è che sia valso tre punti, una vittoria per tutti quanti. Sono contenta per me, ma anche per tutto il gruppo perché è grazie a loro se oggi possiamo festeggiare». Un commento in linea con le parole di Garavaglia: «Siamo un gruppo nel quale non ci sono titolari e riserve. E la nostra forza è questa, e crederci sempre. Portiamo avanti questo progetto con i nostri valori e sono sicura che cresceremo ancora perché stiamo lavorando bene». Una vittoria che arriva dopo una partita sofferta che porta questo Brescia come allo scontro con il Como? «Con tanta voglia di fare bene. La prepareremo martedì, è una partita come tutte le altre. Non temiamo nessuno e scenderemo in campo per fare il nostro meglio».

CITTADELLA-BRESCIA 0-1

Cittadella Toniolo, La Rocca (46’ st Pizzolato), Peruzzo, Manu, Domi, Saggion, Fracaros, Begal (39’ st Zorzan), Martelli (27’ st Ponte), Corazzi (46’ st Meneghetti), Ripamonti. (Dilettuso, Peressotti, Lattanzio, Schiavo, Novelli). Allenatore Colantuono

Brescia Lonni, Viscardi, Barcella (13’ st Bianchi), Perin, Galbiati, Ghisi (31’ st Farina), Magri (1’ st Asta), Merli Cristina, Merli Luana (27’ st Brayda), Pasquali (1’ st Porcarelli), Hjohlman. (Ballabio, Maroni, Ballabio, Tengattini). Allenatore Garavaglia

Arbitro Kovacevic di Arco Riva
Reti st 44’ Brayda
Ammonite Magri, Ghisi, Cristina Merli, Corazzi, mister Garavaglia, Pizzolato
Note Centro Sportivo “Tombolo”. Calci d’angolo 6-7. Recupero pt 1’, st 5’.

Di Cartellino Rosa

Cartellino Rosa è un blog sportivo amatoriale, sostenuto dalla passione per il calcio femminile di alcuni ragazzi, con l'obiettivo di darà visibilità a questo mondo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: