Al Parc OL di Décines-Charpieu, in una serata uggiosa ed a tratti piovosa, si tiene l’ultima sfida valida per il ritorno dei quarti di finale di UEFA Women’s Champions League tra il Lione, padrone di casa, e la Juventus, vincente nella sfida d’andata in rimonta per 2-1.

Al 23′ Bonansea semina le avversarie con un’ottima scorribanda offensiva sulla fascia sinistra, arriva al limite dell’area e mette in mezzo un pallone basso invitante per Hurtig che controlla il pallone col destro e calcia a botta sicura verso la porta avversaria, ma Bacha intercetta la conclusione con lo stinco sinistro in modo decisivo. Al 33′ il Lione passa in vantaggio: Mbock Bathy riceve palla in area e mette un traversone col destro su cui nessuna delle compagne riesce ad avventarsi, dalla parte opposta però Bacha recupera la sfera e crossa col sinistro verso il secondo palo dove Hegerberg sbuca alle spalle di Sembrant ed infila di testa Peyraud-Magnin sotto la traversa. Al 35′ le transalpine raddoppiano: Horan riceve palla sulla trequarti e col destro crossa verso il secondo palo dove Malard sorprende Lenzini e schiaccia bene il pallone di testa non lasciando alcuno scampo all’estremo difensore bianconero.

Al 58′ Bacha batte un calcio d’angolo col sinistro che rientra pericolosamente sul primo palo dove Peyraud-Magnin si trova costretta ad alzare il pallone sopra la traversa per evitare la rete. Al 63′ Macario riceve palla sulla trequarti e calcia dai 25 metri con un diagonale destro basso e potente, ma Peyraud-Magnin disinnesca la conclusione con la mano destra per mezzo di un eccellente allungo. Al 73′ il Lione trova il tris: Cascarino scambia in velocità con Horan e serve in mezzo all’area Macario che controlla splendidamente col destro spalle alla porta, si gira disorientando Gama ed incrocia implacabilmente col piatto destro. Al 84′ la Juventus reagisce e si sblocca: Cernoia batte un eccellente calcio d’angolo col sinistro e pesca in mezzo all’area Stašková che prende bene il tempo a Buchanan ed impatta col pallone di testa incrociandolo alle spalle di un’incolpevole Endler.

Alle semifinali si qualifica così il Lione che ha ribaltato il risultato dell’andata ed ora dovrà affrontare nella doppia sfida il Paris Saint Germain, che ha avuto la meglio sul Bayern Monaco grazie al pareggio per 2-2 conquistato in casa ai tempi supplementari dopo il successo di misura ottenuto in Baviera per 1-2. Nell’altra semifinale si sfideranno invece il Barcellona, campione uscente della competizione che ha vinto nettamente per 1-3 e 5-2 entrambe le partite disputate contro il Real Madrid, ed il Wolfsburg, che dopo il pareggio ottenuto a Londra per 1-1 ha regolato a domicilio l’Arsenal con un secco 2-0.

Lione – Juventus 3-1 

Marcatrici: 33′ Ada Hegerberg, 35′ Malard, 73′ Macario, 84′ Stašková

Lione (4-3-3): Endler; Mbock Bathy (dal 76′ Cayman), Buchanan, Renard, Bacha; Horan, Egurrola (dal 46′ Henry), Macario (dal 87′ Gunnarsdóttir); Cascarino, Ada Hegerberg, Malard

A disposizione: Bouhaddi, Holmgren; Morroni, Sombath, Sylla; Benyahia, Marozsán; Laurent

Allenatrice: Bompastor

Juventus (4-3-3): Peyraud-Magnin; Lenzini (dal 70′ Lundorf), Gama, Sembrant, Boattin (dal 79′ Nildén); Rosucci, Pedersen, Cernoia; Bonansea (dal 70′ Caruso), Girelli (dal 79′ Stašková), Hurtig (dal 61′ Bonfantini)

A disposizione: Aprile, Forcinella; Panzeri, Hyyrynen; Grosso, Zamanian 

Allenatore: Montemurro

Ammonizioni: 17′ Girelli, 45′ Egurrola, 71′ Horan, 80′ Lundorf, 90’+4 Ada Hegerberg

Espulsioni: /

Recupero: 1′ p.t.; 3′ s.t.

Arbitro: Hussein (Germania)

Di Davide Torretta

Redattore presso Cartellino Rosa

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: